Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
wandavision

WandaVision: una speciale famiglia degli anni ’50

Vediamo da quali fumetti potrebbe prendere ispirazione l'attessima serie tv

Con l’esordio di Disney+ negli USA cresce l’attesa per le nuove serie tv Marvel che sawandavisionranno strettamente collegate ai film del Marvel Cinematic Universe. WandaVision rappresenta lo show che più ci incuriosisce soprattutto dopo le ultime notizie: un casting call è alla ricerca di “due neonati di massimo 6 mesi”, molto probabilmente i figli di Wanda e Visione. A questo punto i fan dei fumetti immaginano un adattamento, anche parziale, del ciclo di storie scritto da Tom King, Vision. Tuttavia, precedentemente il Vendicatore aveva provato l’esperienza familiare con Scarlet Witch, avendo appunto due gemelli. Vediamo da quali fumetti potrebbe prendere ispirazione la serie tv e le possibili implicazioni nel futuro dell’universo dei Marvel Sudios.

Finora ti abbiamo svelato come WandaVision si collegherà al sequel di Doctor Strange, esplorando gli incredibili poteri di Scarlet Witch. Dopo gli eventi di Avegers: Endgame, Wanda Maximoff sarà ancora più simile alla sua controparte cartacea, come rivelato dalla sua interprete, Elizabeth Olsen: “Non ci siamo mai riferiti a lei con il nome di Scarlet Witch sullo schermo, prima d’ora. È sempre stata solo Wanda. E questa è wandavisionquell’opportunità ed è un grande tuffo nelle profondità del personaggio. Sarà uno show davvero emozionante e credo soddisfacente per i fan”. Ricordiamo che la sua prima apparizione nel MCU avviene nel 2015 in Avengers: Age of Ultron, in cui esordì anche Paul Bettany nei panni di Visione, già voce di J.A.R.V.I.S. dal 2008 (Iron Man). Nato dalle matite di Roy Thomas e John Buscema sul n° 57 di The Avengers nel 1968, il sintenzoide si ribella al suo creatore Ultron per diventare un membro dei Vendicatori. Le origini fumettistiche di Scarlet Witch, invece, non sono legate al villain metallico, ma agli X-Men: Wanda, con suo fratello Pietro, debutta come componente della Confraternita dei mutanti malvagi guidata da Magneto sul numero 4 di X-Men del marzo 1964, scritto da Stan Lee e disegnato da Jack Kirby.

Dal sedicesimo numero di The Avengers i gemelli Maximoff entrano a far parte degli wandavisionEroi più potenti della Terra, divenendo dei membri principali del team. In particolare, Wanda ha sviluppato col tempo una relazione sentimentale con Visione. Roy Thomas, scrittore della serie a fumetti, ha spiegato in questo modo l’evoluzione del loro rapporto: “Sentivo che una storia d’amore di qualche tipo avrebbe aiutato lo sviluppo del personaggio in The Avengers, e Visione era un ottimo candidato, perché è apparso solo in quella rivista… come ha fatto Wanda, per quello che conta. Così sono diventati una coppia, per semplici considerazioni pratiche”.

Ed è qui che arriva il prwandavisionimo indizio per Wandavision. Lo speciale Marvel’s Expanding the Universe, subito disponibile su Disney+, potrebbe aver svelato un dettaglio molto interessante della trama dello show. Tra le pagine di fumetti viste sullo sfondo durante un commento della produttrice Mary Livanos, abbiamo scorto una vignetta in cui Doctor Strange tiene in braccio un bambino: è tratta dal numero 4 di The Vision and the Scarlet Witch (1986), la miniserie a fumetti che vede protagonisti i due Vendicatori dopo il loro matrimonio. Nonostante la natura non umana del marito, Wanda partorisce due gemelli, Thomas e William. In seguito si scoprirà che sono stati concepiti grazie ai poteri magici di Scarlet Witch che ha infuso nei corpi dei figli delle anime inconsciamente sottratte a Mefisto. Su tutte le furie per questo furto, il signore degli Inferi la affronta per riavere i bambini uccidendoli apparentemente nella battaglia; in realtà, gli spiriti dei fanciulli si trasferiscano in due nuovi corpi nati in luoghi diversi che, crescendo, saranno Speed e Wiccan degli Young Avengers.

Ora ci aspettiamo di vederli sul piccolo e grande schermo e secondo l’insider Jeremy Conwandavisionrad non ci vorrà molto tempo: stando alle sue parole, in WandaVision vedremo Thomas e William, che faranno parte di questa sorta di nuova realtà, ma cresceranno in fretta, diventando quindi “reali” ed entrando a far parte del MCU. Non sappiamo se la nuova realtà di WandaVision sarà creata esclusivamente da Scarlet o riceverà aiuto da Agatha Harkness, una potente maga che nei comics le dona insegnamenti magici per migliorare la padronanza dei suoi poteri instabili . Sono curioso di vedere se Benedict Cumberbatch nei panni dello Stregone Supremo sarà presente al momento del parto, riprendendo la vignetta citata precedentemente, o se interverrà nella serie tv precedendo gli eventi di Doctor Strange in the Multiverse of Madness.

Dopo la tragica esperienza familiare con Wanda, Visione ci riprova da solo, nella sua continua ricerca di umanizzarsi. wandavisionDalla sua creazione, passando per la commovente storia Even an android can cry(Anche un androide può piangere, The Avengers #58 del 1968), la sua più grande paura corrisponde alla perdita dell’umanità acquisita vivendo. La prova risulta estrema perché il sintezoide costruisce una moglie, Virginia, e due figli Viv e Vin, simili a lui; si ritira dalla vita da eroe per vivere il sogno americano, inseguendo una vita “normale”. Questi eventi sono raccontati in The Vision, fortunata serie di 12 numeri scritta da Tom King e disegnata da Gabriel Hernandez Walta. Il fumettista americano, attualmente sceneggiatore di Batman, ha vinto nel 2016 un Harvey Award – Best New Talent e nel 2017 un Eisner Award come Miglior miniserie, grazie a The Vision. WandaVision potrebbe prendere spunto dalla sua opera per le atmosfere e probabilmente per le modalità con cui sarà presentata.

Infatti, la coppia di Avengers cercherà di diventare una normale famiglia americana nel corso di WandaVision, con Visione impegnato nella ricerca di un lavoro e Wanda alle prese con le faccende domestiche. Secondo lo scooper Charles Murphy, lo show con protagonisti Scarlet Witch e il Sintenzoide sarà ambientato negli anni ’50, omaggiando di continuo la sit-com I Love Lucy, primo serial con copione girato con un pubblico in studio. Ecco la grande novità: la serie tv di Disney+ potrebbe essere filmata davanti ad un vero pubblico che, prima delle riprese, dovrà firmare dei documenti per la segretezza sul set.wandavision

WandaVision si avvicina all’inizio della produzione e sempre Jeremy Conrad suggerisce l’ingresso in scena della versione bianca di Visiowandavisionne, un suo look molto popolare negli anni ’80: catturato, disassemblato e poi recuperato, ritorna nei Vendicatori della Costa Ovest in una versione completamente bianca e priva di emozioni, poichè Wonder Man non ha autorizzato Hank Pym ad utilizzare i suoi tracciati cerebrali per rigenerare Visione. Considerando che la sua ultima apparizione nel MCU alla fine di Avengers: Infinity War rispecchi molto la versione appena citata, le voci sarebbero fondate. We Got This Covered, invece, riporta che nella serie potrebbe tornare proprio il creatore di Visione. Secondo la voce proveniente dall’utente Reddit 4Chan, che afferma di lavorare allo show, Ultron apparirebbe grazie ad alcune scene eliminate dal film del 2015.

La serie tv arriverà su Disney+ con 6 episodi nella primavera del 2021.

Potrebbe interessarti...

WandaVision

Continuano le stregonerie in Wandavision!

WandaVision

WandaVision: un episodio tra fumetti e misteri

WandaVision

La famiglia di WandaVision cresce nel quinto episodio

WandaVision

WandaVision, un’altra puntata geniale

WandaVision

WandaVision acquista colori ed emozioni nel terzo episodio

Cosa ti aspetti da questa serie tv? Hai in mente altri collegamenti con i fumetti Marvel?
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Rubrica

Sixteen Candles - Un compleanno da ricordare

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
+3