Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Manetti Bros - incontro Diabolik con Eva Kant

Diabolik – I Manetti Bros scelgono Bologna per le prime scene

Nessuna cosa al mondo potrebbe darmi l'esaltazione che mi dà l'idea di combattere contro il mondo intero

Viene spontaneo nella tua giornata di lavoro, di studio o relax, crearti un momento solo per te dove cercare riparo nelle notizie più curiose. Oggi è una di quelle. Sicuramente avrei già sentito parlare del nuovo film dei Manetti Bros incentrato sul personaggio più oscuro della storia del fumetto italiano, Diabolik. Diabolik dei manetti brosOra c’è una notizia ancora più frizzante che non vogliamo tu la perda.  I registi hanno dato il via alle riprese nella città di Bologna, dove avverrà un inseguimento importante nella trama del film, precisamente su via Marconi. I Manetti Bros in una intervista rilasciata pochi giorni in cui dichiarano come sarà il loro Re del Terrore: “il nostro Diabolik tanto per cominciare è cattivissimo e presubilmente anche un pò bullo” e cercheranno di trasporre il concetto delle sorelle Giussani nel film; creeranno una Clerville adatta alle esigenze artistiche di scena, dove Bologna non sembrerà la città che è, non dando così punti di riferimento allo spettatore. Nei primissimi episodi il fumetto è ambientato a Marsiglia, in Francia; al fine di far piacere questo oscuro personaggio, ma romantico al tempo stesso, le ideatrici creeeranno la Clerville che è sì surreale, ma avvicina così  il lettore, creando una città “ai confini della realtà“. La vera arte dei Manetti Bros sarà il non raccontare il solito Diabolik dove “le differenze non stanno nella volontà di cambiarlo ma in un obbligo dato che essendo una forma diversa dal fumetto bisogna adattarlo“.

Una peculiarità che mi piace sottolineare è che sarà un film tricolore a trecentosessanta gradi dove i soggettisti sono italiani, tra cui Michelangelo La Neve, lo stesso Re del Terrore è preso da un fumetto made in Italy ed il cast totalmente italiano. Un’altra curiosità che solleticherà l’andare al cinema è proprio il cast che stranamente non è identico ai fumetti di cui racconteranno le gesta, ma sono tra gli attori che più riescono a reinterpretarsi in questo momento storico del cinema italiano. Tra tutti Luca Marinelli a cui è affidato il ruolo di Diabolik, accompagnato da una sensuale Miriam Leone che presterà il volto a Eva Kant e l’ ispettore Ginko il cui ruolo è stato affidato a Valerio Mastandrea. Per dare forza alla squadra ci sono Alessandro Roja, il Dandy di Marinelli e Leone in Diabolik ed Eva KantRomanzo Criminale,  per intenderci, Serena Rossi che ci ha fatto rivivere la vita tribolata della grande Mia Martini e Caludia Gerini che non ha bisogno di presentazioni. La trama di questo film non racconterà il personaggio di Diabolik fine a se stesso ma “Il film racconterà la storia oscuramente romantica dell’incontro tra Diabolik e Eva, ambientata nello Stato fittizio di Clerville negli anni ’60″. Oltre Bologna le altre location su cui hanno puntato i Manetti Bros sono Courmayeur, Milano e Trieste. Siamo fiduciosi che riscuoterà grande interesse. Ora ti lascio continuare la tua giornata che sono sicuro ti porterà a sapere di più sui prossimi sviluppi futuri del film.

Potrebbe interessarti...

Diabolik

Le nuove date di Diabolik e di Freaks Out

Diabolik

Miriam Leone sarà Eva Kant in Diabolik

Diabolik

Diabolik, ecco il teaser trailer!

Diabolik

Diabolik con Luca Marinelli si presenta in un teaser poster

Diabolik: confermato il cast ufficiale del film

Non voglio sapere se hai letto i fumetti o meno. Mi interessa capire il tuo punto di vista. Perché Diabolik non ha una morale ma nonostante tutto è riuscito a crearsi una schiera di fan che non vede l’ora di vedere il film. E tu cosa ne pensi? E’ così cattivo come dicono i registi oppure ha una sua morale? Scrivilo nei commenti e ci divertiremo insieme a discutere
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
+1