Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
gina carano

I segreti delle star: Gina Carano goodbye Lucasfilm

Gina Carano è nuovamente protagonista di una bufera mediatica. Allontanata dalla Lucasfilm, non sarà più in Mandalorian

Gina Carano è già stata protagonista di un articolo relativo ad alcune sue dichiarazioni controverse e molto discusse, nonché ad una serie di brutti episodi di bodyshaming che l’avevano vista vittima dell’odio social, ma i suoi problemi erano solo all’inizio.

gina carano

Lucasfilm, infatti, non ha rinnovato il contratto all’attrice e dunque non vedremo più il personaggio di Cara Dune né in The Mandalorian (di cui attendiamo la terza stagione) né nell’annunciato Rangers of The New Republic.

gina carano

Il 10 Febbraio 2021, un rappresentante della Lucasfilm ha dichiarato quanto segue, formalizzando la rottura con la Carano:

Attualmente Gina Carano non lavora per Lucasfilm e non ci sono piani che lo sia in futuro. I suoi post sui social media, che denigrano le persone in base alle loro identità culturale e religiose, sono abominevoli e inaccettabili.

L’attrice, infatti, ha condiviso una polemica e controversa considerazione sia su Twitter che in alcune Instagram stories, anzitutto premettendo l’ennesima convinzione del fatto che la storia sia stata manipolata (buongiorno, complottismo!) sostanzialmente paragonando gli Stati Uniti al Terzo Reich.

gina carano

Gli ebrei sono stati picchiati per le strade, non dai soldati nazisti ma dai loro vicini…anche dai bambini. Poiché la storia è modificata, la maggior parte delle persone oggi non si rende conto che per arrivare al punto in cui i soldati nazisti potevano facilmente radunare migliaia di ebrei, il governo ha fatto in modo che i propri vicini li odiassero semplicemente per il fatto di essere ebrei. Dove è la differenza dall’odiare qualcuno per le loro opinioni politiche?

Ora, libertà d’espressione a parte, paragonare la persecuzione del popolo ebraico allo scontro (ideologico o fisico che sia) tra persone con opinioni politiche diverse, è uno scivolone che poco ha a che fare con la volontà di esprimere un’opinione. Perché è un’idiozia bella e buona. A nulla è valso il maldestro tentativo di Gina Carano di contenere i danni rimuovendo i post, perché già Variety aveva riportato la notizia dell’agghiacciante riflessione dell’attrice.

gina carano

Che l’attrice fosse una supporter di Donald Trump non era un segreto e nemmeno che ritenesse le misure anti-covid una serie di imposizioni da “regime totalitario” o che non nutrisse alcuna simpatia per le persone transessuali o ancora, che prendesse regolarmente in giro le associazioni LGBTQ+ e quindi da tempo su Twitter l’hashtag #FireGinaCarano era diventato popolare. Francamente sorprende che Lucasfilm e Disney non abbiano preso le distanze dall’attrice già mesi fa.

gina carano

Da grandi poteri, derivano grandi responsabilità – Cit.

In quanto personaggio pubblico, Gina Carano ha la precisa responsabilità di stare attenta a ciò che sostiene e condivide e di quella responsabilità deve inevitabilmente rispondere.

gina carano

 

Nonostante tutto, Gina Carano ha un discreto seguito ed il sostegno di un consistente numero di persone e personaggi. Ben Shapiro, ad esempio, co-fondatore di Daily Wire, le ha mostrato pieno sostegno e la aiuterà a produrre il suo primo film.

Non potremmo essere più entusiasti di lavorare con Gina Carano, un talento incredibile abbandonato da Disney e Lucasfilm per aver offeso l’autoritaria sinistra hollywoodiana. Questo è il motivo per cui Daily Wire esiste, ovvero fornire un’alternativa non solo ai consumatori, ma ai creatori che si rifiutano di inchinarsi a questa mafia.

Intanto, in completo delirio vittimista, l’attrice ha commentato l’allontanamento da Lucasfilm con parole che non contengono il minimo accenno a scuse o chiarimenti, quantomeno nei confronti del popolo ebraico al quale ha davvero mancato di rispetto:

Ho gridato e la mia preghiera è stata esaudita. Invio un messaggio di speranza a tutti coloro che vivono nella paura di essere cancellati da questa mafia totalitaria. Ho appena iniziato ad usare la mia voce che ora è più libera che mai e spero che ispiri gli altri a fare lo stesso. Non possono cancellarci se non glielo permettiamo

Gina Carano è entrata ufficialmente nell’Olimpo delle personalità americane aderenti alla politica di estrema destra. Contenta lei.

Potrebbe interessarti...

Euphoria

Euphoria: il secondo episodio speciale

Euphoria

Euphoria: la recensione del primo episodio speciale

Joker

Joker: l’edizione speciale in esclusiva per l’Italia

Doctor Who

Doctor Who: Revolution of the Daleks, lo speciale di Natale

South Park

South Park: una puntata speciale di un’ora a tema Covid

Cosa ne pensi, onestamente, del “licenziamento” di Gina Carano?
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
+1