Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp

Emmy Awards 2019: le nomination

Emmy 2019
Emmy 2019

Il 16 luglio 2019 sono state annunciate le nomination dei prossimi Emmy Awards. L’annuncio è stato fatto da D’Arcy Carden e Ken Jeong e indubbiamente Game of Thrones è quella che ne detiene di più in assoluto

È in arrivo la 71esima edizione degli Emmy Awards che premierà quello che verrà ritenuto come il miglior prodotto della programmazione televisiva negli Stati Uniti ( precisamente quello che è andato in onda tra il 1 giugno 2018 e il 31 maggio 2019), la scelta, come da norma, verrà fatta dall’Academy of Television Arts & Sciences. La cerimonia e la relativa premiazione verrà fatta il 22 settembre 2019 presso il Microsoft Theater nel cuore di Los Angeles (California) e gli statunitensi potranno vedere sulla Fox.

Facendo una stime delle varie categorie Game of Thrones è quella che si porta a casa più nomination in assoluto per questi Emmy 2019, in testa con 32 nomination, di cui dieci per recitazione e tre per regia, seguita da When They See Us  e trovando al terzo posto Barry. Un nuovo record Game of Thrones che è riuscito a superare il record detenuto per ben 25 anni da NYPD Blue, all’epoca la serie aveva infatti ottenuto 26 nomination per prima stagione nel 1994. Non da meno nemmeno la serie di Amazon prime: The Marvelous Mrs. Maisel che si è portata a casa ben 20 candidature.

I numeri però parlano da soli e anche per la HBO questa è una gara che si parte con un discreto vantaggio, ottenendo 137 designazioni, è in vetta al podio, Netflix però è poco distante con 117 candidature.  Presenti tra le molte anche serie che ci sono piaciute o che comunque ci hanno permesso di fare qualche riflessione come Russian Doll e Chernobyl

Miglior serie comedy

Barry (HBO)
Fleabag (Amazon)
The Good Place (NBC)
The Marvelous Mrs. Maisel (Amazon)
Russian Doll (Netflix)
Schitt’s Creek (Pop)
Veep (HBO)

Miglior serie drammatica

Better Call Saul (AMC)
Bodyguard (Netflix)
Game of Thrones (HBO)
Killing Eve (BBC America)
Ozark (Netflix)
Pose (FX)
Succession (HBO)
This Is Us (NBC)

Miglior mini serie

Chernobyl (HBO)
Escape at Dannemora (Showtime)
Fosse/Verdon (FX)
Sharp Objects (HBO)
When They See Us (Netflix)

Migliore attore protagonista in una serie comica

Anthony Anderson come Andre “Dre” Johnson, Sr. in Black-ish (ABC)
Don Cheadle come Mo Monroe in Black Monday (Showtime)
Ted Danson come Michael in The Good Place (NBC)
Michael Douglas come Sandy Kominsky in The Kominsky Method (Netflix)
Bill Hader come Barry Berkman / Barry Block in Barry (HBO)
Eugene Levy come Johnny Rose in Schitt’s Creek (Pop)

Migliore attrice protagonista in una serie comica

Christina Applegate come Jen Harding in Dead to Me (Netflix)
Rachel Brosnahan come Miriam “Midge” Maisel in The Marvelous Mrs. Maisel (Amazon)
Julia Louis-Dreyfus come Selina Meyer in Veep (HBO)
Natasha Lyonne come Nadia Vulvokov in Russian Doll (Netflix)
Catherine O’Hara come Moira Rose in Schitt’s Creek (Pop)
Phoebe Waller-Bridge come Fleabag in Fleabag (Amazon)

Miglior attore protagonista in una serie drammatica

Jason Bateman come Martin “Marty” Byrde in Ozark (Netflix)
Sterling K. Brown come Randall Pearson in This Is Us (NBC)
Kit Harington come Jon Snow in Game of Thrones (HBO)
Bob Odenkirk come Jimmy McGill in Better Call Saul (AMC)
Billy Porter come Pray Tell in Pose (FX)
Milo Ventimiglia come Jack Pearson in This Is Us (NBC)

Miglior attrice protagonista in una serie drammatica

Emilia Clarke come Daenerys Targaryen in Game of Thrones (HBO)
Jodie Comer come Oksana Astankova / Villanelle in Killing Eve (BBC America)
Viola Davis come Annalise Keating in How to Get Away with Murder (ABC)
Laura Linney come Wendy Byrde in Ozark (Netflix)
Mandy Moore come Rebecca Pearson in This Is Us (NBC)
Sandra Oh come Eve Polastri in Killing Eve (BBC America)
Robin Wright come Claire Underwood in House of Cards (Netflix)

Miglior attore protagonista in una mini serie o film per la televisione

Mahershala Ali come Wayne Hays in True Detective (HBO)
Benicio del Toro come Richard Matt in Escape at Dannemora (Showtime)
Hugh Grant come Jeremy Thorpe in A Very English Scandal (Amazon)
Jared Harris come Valery Legasov in Chernobyl (HBO)
Jharrel Jerome come Korey Wise in When They See Us (Netflix)
Sam Rockwell come Bob Fosse in Fosse/Verdon (FX)

Miglior attrice protagonista in una mini serie o film per la televisione

Amy Adams come Camille Preaker in Sharp Objects (HBO)
Patricia Arquette come Joyce “Tilly” Mitchell in Escape at Dannemora (Showtime)
Aunjanue Ellis come Sharonne Salaam in When They See Us (Netflix)
Joey King come Gypsy Rose Blanchard in The Act (Hulu)
Niecy Nash come Delores Wise in When They See Us (Netflix)
Michelle Williams come Gwen Verdon In Fosse/Verdon (FX)

Miglior attore non protagonista in una commedia

Alan Arkin come Norman Newlander in The Kominsky Method (Netflix)
Anthony Carrigan come NoHo Hank in Barry (HBO)
Tony Hale come Gary Walsh in Veep (HBO)
Stephen Root come Monroe Fuches in Barry (HBO)
Tony Shalhoub come Abe Weissman in The Marvelous Mrs. Maisel (Amazon)
Henry Winkler come Gene Cousineau in Barry (HBO)

Miglior attrice non protagonista in una commedia

Alex Borstein come Susie Myerson in The Marvelous Mrs. Maisel (Amazon)
Anna Chlumsky come Amy Brookheimer in Veep (HBO)
Sian Clifford come Claire in Fleabag (Amazon)
Olivia Colman  come Godmother in Fleabag (Amazon)
Betty Gilpin come Debbie Eagan in GLOW (Netflix)
Sarah Goldberg come Sally Reed in Barry (HBO)
Marin Hinkle come Rose Weissman in The Marvelous Mrs. Maisel (Amazon)
Kate McKinnon per vari caratteri in Saturday Night Live (NBC)

Miglior attore non protagonista in un dramma

Alfie Allen come Theon Greyjoy in Game of Thrones (HBO)
Jonathan Banks come Mike Ehrmantraut in Better Call Saul (AMC)
Nikolaj Coster-Waldau come Jaime Lannister in Game of Thrones (HBO)
Peter Dinklage come Tyrion Lannister in Game of Thrones (HBO)
Giancarlo Esposito come Gus Fring in Better Call Saul (AMC)
Michael Kelly come Doug Stamper in House of Cards (Netflix)
Chris Sullivan come Toby Damon in This Is Us (NBC)

Miglior attrice non protagonista in un dramma

Gwendoline Christie come Brienne di Tarth in Game of Thrones (HBO)
Julia Garner come Ruth Langmore in Ozark (Netflix)
Lena Headey come Cersei Lannister in Game of Thrones (HBO)
Fiona Shaw come Carolyn Martens in Killing Eve (BBC America)
Sophie Turner come Sansa Stark in Game of Thrones (HBO)
Maisie Williams come Arya Stark in Game of Thrones (HBO)

Miglior attore non protagonista in una mini serie o film per la televisione

Asante Blackk come Kevin Richardson in When They See Us (Netflix)
Paul Dano come David Sweat in Escape at Dannemora (Showtime)
John Leguizamo come Raymond Santana, Sr. in When They See Us (Netflix)
Stellan Skarsgård come Boris Shcherbina in Chernobyl (HBO)
Ben Whishaw come Norman Josiffe / Norman Scott in A Very English Scandal (Amazon)
Michael K. Williams come Bobby McCray in When They See Us (Netflix)

Miglior attrice non protagonista in una mini serie o film per la televisione

Patricia Arquette come Dee Dee Blanchard in The Act (Hulu)
Marsha Stephanie Blake come Linda McCray in When They See Us (Netflix)
Patricia Clarkson come Adora Crellin in Sharp Objects (HBO)
Vera Farmiga come Elizabeth Lederer in When They See Us (Netflix)
Margaret Qualley come Ann Reinking in Fosse/Verdon (FX)
Emily Watson come Ulana Khomyuk in Chernobyl (HBO)

Miglior regista in una serie comica

Barry (“The Audition”), diretto da Alec Berg (HBO)
Barry (“ronny/lily”), diretto da Bill Hader (HBO)
The Big Bang Theory (“The Stockholm Syndrome”), diretto da Mark Cendrowski (CBS)
Fleabag (“Episode 1”), diretto da Harry Bradbeer (Amazon)
The Marvelous Mrs. Maisel (“All Alone”), diretto da Amy Sherman-Palladino (Amazon)
The Marvelous Mrs. Maisel (“We’re Going to the Catskills!”), diretto da Daniel Palladino (Amazon)

Miglior regista in una serie drammatica

Game of Thrones (“The Last of the Starks”), diretto da David Nutter (HBO)
Game of Thrones (“The Long Night”), diretto da Miguel Sapochnik (HBO)
Game of Thrones (“The Iron Throne”), diretto da David Benioff & D. B. Weiss (HBO)
The Handmaid’s Tale (“Holly”), diretto da Daina Reid (Hulu)
Killing Eve (“Desperate Times”), diretto da Lisa Brühlmann (BBC America)
Ozark (“Reparations”), diretto da Jason Bateman (Netflix)
Succession (“Celebration”), diretto da Adam McKay (HBO)

Miglior regista in una mini serie o film per la televisione

Chernobyl, diretto da Johan Renck (HBO)
Escape at Dannemora, diretto da Ben Stiller (Showtime)
Fosse/Verdon (Episode: “Glory”), diretto da Jessica Yu (FX)
Fosse/Verdon (Episode: “Who’s Got the Pain”), diretto da Thomas Kail (FX)
A Very English Scandal, diretto da Stephen Frears (Amazon)
When They See Us, diretto da Ava DuVernay (Netflix)

Miglior sceneggiatura per una commedia

Barry (“ronny/lily”), scritto da Alec Berg & Bill Hader (HBO)
Fleabag (“Episode 1”), scritto da Phoebe Waller-Bridge (Amazon)
PEN15 (“Anna Ishii-Peters”), scritto da Maya Erskine & Anna Konkle (Hulu)
Russian Doll (“Nothing In This World Is Easy”), scritto da Natasha Lyonne, Leslye Headland, & Amy Poehler (Netflix)
Russian Doll (“A Warm Body”), scritto da Allison Silverman (Netflix)
The Good Place (“Janet(s)”),scritto da Josh Siegal & Dylan Morgan (NBC)
Veep (“Veep”),scritto daDavid Mandel (HBO)

Miglior sceneggiatura per una sedie drammatica

Better Call Saul (“Winner”), scritto da Peter Gould & Thomas Schnauz (AMC)
Bodyguard (“Episode 1”), scritto da Jed Mercurio (Netflix)
Game of Thrones (“The Iron Throne”), scritto da David Benioff & D. B. Weiss (HBO)
The Handmaid’s Tale (“Holly”), scritto da Bruce Miller & Kira Snyder (Hulu)
Killing Eve (“Nice and Neat”), scritto da Emerald Fennell (BBC America)
Succession (“Nobody Is Ever Missing”), scritto da Jesse Armstrong (HBO)

Miglior sceneggiatura per una mini serie o film per la televisione

Chernobyl, scritto da Craig Mazin (HBO)
Escape at Dannemora (Episode: “Part 6”), scritto da Brett Johnson & Michael Tolkin & Jerry Stahl (Showtime)
Escape at Dannemora (Episode: “Part 7”), scritto da Brett Johnson & Michael Tolkin (Showtime)
Fosse/Verdon (Episode: “Providence”), scritto da Joel Fields & Steven Levenson (FX)
A Very English Scandal, written by Russell T Davies (Amazon)
When They See Us (Episode: “Part Four”), scritto da Ava DuVernay & Michael Starrbury (Netflix)

Non c’è che da attendere per chi la spunterà in questa ardua battaglia, se le nuove piattaforme di streaming (per ora in gara naturalmente ci sono solo  Amazon e Netflix) o le grandi reti televisive come Fox ed HBO.

Commenti recenti

Commenta qui...

Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0