0

Stateless: Netflix ha comprato i diritti della serie di Cate Blanchett

Stateless verrà presentato a Berlino questa settimana ma già sappiamo che Netflix si farà carico della distribuzione

Cate Blanchett
1+

0

Netflix ha preso già i diritti internazionali di Stateless, la serie drammatica sui rifugiati co-creata dall’attrice australiana CateBlanchett, al centro della storia ci saranno le politiche di controllo delle frontiere e i diritti degli immigrati. Il progetto è presentato in questi giorni a Berlino. Lo rivela la rivista americana IndieWire.

Cate Blanchett statelessStateless è un progetto della televisione pubblica australiana ABC e sul suo canale andrà in onda la serie il 1 ° marzo. Fuori dall’Australia invece la distribuzione sarà seguita da Netflix nel corso dell’anno, ancora non è disponibile una data precisa per l’uscita.

Cate Blanchett ha lavorato per ben sette anni nella realizzazione di Stateless; la Blanchett è anche ambasciatrice dell’alto commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati. Cate, insieme ai co-creatori della serie Tony Ayres e Elise McCredie, hanno concepito la serie nel 2013. Stateless sarà il primo lavoro che vedrà Cate Blanchett impegnata sul piccolo schermo, sebbene sia anche protagonista e produttore esecutivo per la rete FX in Mrs. (Hulu America), che uscirà entro la fine dell’anno.

La trama di Stateless è incentrata su quattro estranei: una hostess di compagnia aerea (Yvonne Strahovski) in fuga da un culto suburbano, un rifugiato afgano (Fayssal Bazzi) che corre verso una nuova vita con sua moglie e due figli, un giovane padre di tre figli (Jai Courtney) che sta lottando per sbarcare il lunario e un ambizioso burocrate (Asher Keddie) che è preso tra le sue ambizioni professionali e un crescente scandalo nazionale. I quattro personaggi si troveranno tutti in un centro di detenzione per immigrazione nel mezzo del deserto australiano e la situazione li spinge a dover convivere, anche se all’interno del gruppo si instaurano profonde connessioni emotive. Stateless è ispirata ad eventi reali, la serie si intreccia con avvincenti e devastanti storie personali, raccontate da i loro diversi punti di vista, per dipingere un ritratto di un sistema alle prese con le contraddizioni inconciliabili della protezione delle frontiere.

Cate Blanchett ha recentemente parlato della serie durante un’intervista rilasciata a Deadline e ha notato che la televisione è il mezzo perfetto per poter diffondere questo tipo di prodotto, questo perché offre molto tempo per dare corpo ai suoi diversi personaggi. Ha detto che il titolo della serie “si riferisce all’apolidia in un senso più poetico, non in senso legale, fisico.”

“Avrei potuto fare un film su questo, ma in qualche modo sembrava più longevo”, ha detto Blanchett “Più tempo trascorri con i personaggi e le circostanze, ti connetti con esso in un modo molto diverso. Originariamente considerando che ha quattro personaggi, sarebbe stato diviso in quattro parti, ma poi avevamo bisogno di una durata maggiore e la storia era troppo grande.”

“C’è anche il fatto che con la televisione raggiungi le persone nelle loro case con questa storia”, ha detto Blanchett. “Non si trattava di” Oh, voglio fare un pezzo di televisione “, si trattava più di questo che era la forma giusta per raccontare la storia.”

Curioso di vedere come sarà questa serie?

Lascia un commento!

avatar
  Iscriviti  
Notificami
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Curioso di vedere come sarà questa serie?
1+