0

0

- La recensione

Analisi, psicologica ed emotiva, di un simpatico appassionato di cinema che cerca di comprendere questa grande pellicola trovando, ogni volta, un nuovo spunto di conversazione. Ogni dettaglio è oro che cola in Birdman

Birdman-poster
0

0

Riggan Thomson è una star Hollywoodiana degli anni’90, divenuto celebre per aver interpretato Birdman, un supereroe dalle sembianze di uccello che combatte il male. Vent’anni dopo si ritrova a dover affrontare problemi economici, il divorzio dalla moglie, una figlia appena uscita da un centro di disintossicazione, il tutto mentre sta cercando di portare in scena a Broadway, uno spettacolo teatrale tratto dall’opera What We Talk About When We Talk About Love di Raymond Carver, cercando in tutti modi di togliersi, definitivamente, da dosso l’etichetta di Birdman, e mostrare a tutti le sue grandi doti attoriali. Questa sarà la sua ultima, grande occasione di ribalta professionale e personale. Dovrà affrontare il pubblico, la critica, gli attori di teatro e il suo più grande nemico, se’ stesso.
Naviga tra i contenuti
Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Birdman filmIl film si apre con delle immagini potenti ma apparentemente senza senso e contesto: un bagnasciuga al tramonto con delle meduse riverse sulla spiaggia, un oggetto non identificato e avviluppato da fiamme che si sta schiantando al suolo. Il tutto condito ed incorniciato da una batteria di sottofondo, che con le sue note ci accompagnerà come unica, e deliziosa, colonna sonora per tutto il film. Quella stessa batteria fungerà da termometro per la tensione, in continuo mutamento e sempre crescente, al punto da diventare quasi assordante in alcuni frangenti. Riuscire a comporre una colonna sonora utilizzando un singolo strumento lo trovo strabiliante, considerando che riesce a toccare una vastissima gamma di emozioni, tramite le vibrazioni che si propagano per tutto il teatro, e sembrano seguire Riggan ovunque, come se quelle vibrazioni le sentisse solo lui, una psiche che viene lentamente logorata, fino ad avere dei spaventosi picchi che spesso sfociano in violenza, soprattutto verbale. Parole e discorsi che pesano come macigni, ma vengono scagliate con una leggerezza disarmante, quasi vomitate in faccia al malcapitato di turno. In questa pellicola non c’è spazio per la gentilezza, l’altruismo o altre smancerie, ci sono piccoli dettagli, rari gesti in un fiume in piena di violenza, paura,  responsabilità. Viviamo queste atmosfere in pieno, il regista propone un unico, falso, piano sequenza che ci fa passare da un personaggio ad un altro con disinvoltura, lasciando scorrere ore, adoperando pochissimi stacchi difficili da percepire. Un moto perpetuo di grandissimo impatto e completamente avvolgente, quasi claustrofobico tra gli stretti corridoi del teatro. Il tutto inquadrato magistralmente dalla fotografia di Immanuel Lubezki, che regala primi piani pregni di emozioni che accentuano ancora di più lo spessore e la profondità dei personaggi.

Birdman Shiner Sam

Dopo pochi minuti di pellicola Iñárritu ci sbatte in faccia il suo odio profondo per i cinecomics, anche tramite il protagonista Riggan, il quale lotta contro se stesso, il suo demone, ancora meglio la sua ombra. Mi riferisco al concetto Junghiano: la faccia oscura di sé inaccettabile. Ma la stessa ombra è qualcosa che esiste solo in presenza di luce. L’unica cosa che “illumina” il protagonista è il suo spettacolo teatrale, lo dirige, lo interpreta come personaggio principale, eppure non riesce ad averne il controllo, forse è un’opera troppo ambiziosa per lui. Nei momenti di delirio, Riggan regredisce in Birdman, il quale continua a ripetergli di smetterla di affannarsi tanto, e tornare sulla cresta dell’onda con il quarto capitolo del supereroe pennuto. Non è mai lui in prima persona a parlare, ma sempre quella voce gutturale che gli ronza nella testa. Ricordi la batteria? Ecco, appunto. Quando torna con i piedi per terra, si scontra irrimediabilmente con la figlia Sam, i due, spesso e volentieri, si scannano verbalmente. Sam denuncia il padre assente sia nella vita familiare che nella vita digitale, non ha un profilo Facebook o Twitter, quindi risulta inesistente come padre e come personaggio, il che lo rende molto ironico dato il totale egocentrismo che Riggan mostra senza ritegno durante tutta la durata della pellicola. Sam, interpretata da una splendida Emma Stone, appena uscita da una clinica di disintossicazione, vestiario per nulla appariscente, e completamente snobbata dal padre, riesce ad avere una potenza immane, affascinante, magnetica e con un carattere da leonessa. Funge da coscienza per il padre, proprio come noi che, spesso e volentieri, non l’ascoltiamo. S’innamora di Mike Shiner, alias Edward Norton, famoso attore teatrale dal talento indiscutibile e dal carattere spigoloso. Lui rappresenta l’essenza del teatro, totale dedizione di anima e corpo allo spettacolo, ma completamente svuotato nel privato. Funge da sprono per Riggan, con il suo comportamento esuberante, e da prima donna, diventa la nemesi del protagonista, cercando un realismo esasperante sul set. I due si beccano continuamente, arrivano alle mani, ma il buon Mike resta sempre sulla cresta dell’onda, come se nulla lo scalfisse. Ma durante una chiacchierata al bar, Shiner si deve arrendere alla popolarità di Riggan, ma c’è comunque ammirazione nei suoi confronti date le parole al vetriolo che utilizza, prima di uscire di scena, per annichilire una famosa critica che sarà presente alla prima dello spettacolo. Possiamo ammirare il vero Mike quando sale sul tetto, per fare compagnia a Sam, dove mostra tutta la sua fragilità e malinconia in un dialogo da far perdere il fiato.Birdman run underwear

Arriviamo alla scena madre. La corsa di Riggan, in mutande, per tornare in teatro dove si sta svolgendo l’atto finale dello spettacolo. Migliaia di persone cercano di fermarlo per un autografo, messosi a nudo di fronte al pubblico, lui rimane Birdman. Tutti lo riprendono con il cellulare, ed è qui che si interfacciano i tre capisaldi della comunicazione umana trasformata in arte: Teatro, Cinema, Internet.Questi rappresentano anche le tre generazioni che si sono susseguite: Passato, Presente, Futuro. Per quanto mi riguarda trovo questa scena la migliore in assoluto, perché racchiude tutta l’essenza del film. Un passante che pubblica il video di questa camminata e, in poche ore, raggiunge migliaia di visualizzazioni su Youtube. Riggan si deve arrendere all’avanzare della tecnologia e dei mass media. Resta dunque il grande dilemma sull’arte, cosa si può definire arte, ciò che piace al pubblico? Ciò che piace alla critica? O ciò che che ottiene più visualizzazioni?

D’altronde il fascino dell’arte è proprio l’alone di mistero che riesce a creare intorno ad essa stessa.

Il nostro voto

In conclusione su

Non c’è un modo preciso per definire questo film.

Parla d’amore in tutte le sue forme, ma regna l’amore egoistico. Parla di paura, la paura di riuscire a realizzare i propri sogni, piccoli o grandi che siano. L’arte che cambia forma, col passare del tempo diventa sempre più difficile definirla. Posso solo dire che questa pellicola è un archivio, confezionato egregiamente, dell’evoluzione del concetto di arte vera e propria. Dialoghi che possono sembrare verbosi e inconcludenti ma  scandiscono e particolareggiano i personaggi, rendendoli profondi. Un finale dal gusto agrodolce, ci permette di fantasticare su cosa possa essere successo. Iñárritu si è spinto davvero oltre con questo film, rendendolo, secondo la mia opinione, un capolavoro. Solo un appunto, avrei davvero gradito un altro piccolo, grande, atto di coraggio da parte del regista. Inquadrare Birdman nella scena di chiusura.

Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
In iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x

Non c’è un modo preciso per definire questo film.

Parla d’amore in tutte le sue forme, ma regna l’amore egoistico. Parla di paura, la paura di riuscire a realizzare i propri sogni, piccoli o grandi che siano. L’arte che cambia forma, col passare del tempo diventa sempre più difficile definirla. Posso solo dire che questa pellicola è un archivio, confezionato egregiamente, dell’evoluzione del concetto di arte vera e propria. Dialoghi che possono sembrare verbosi e inconcludenti ma  scandiscono e particolareggiano i personaggi, rendendoli profondi. Un finale dal gusto agrodolce, ci permette di fantasticare su cosa possa essere successo. Iñárritu si è spinto davvero oltre con questo film, rendendolo, secondo la mia opinione, un capolavoro. Solo un appunto, avrei davvero gradito un altro piccolo, grande, atto di coraggio da parte del regista. Inquadrare Birdman nella scena di chiusura.

0