Una stupenda serie tv Netflix, giustamente riconosciuta ai Golden Globe, tocca temi profondi in un’atmosfera familiare e tragicomica

Michael Douglas e Alan Arkin sono i fantastici protagonisti di The Kominsky Method: il primo interpreta Sandy Kominsky, un attore ritiratosi come insegnate di recitazione, mentre l’altro è Norman Newlander, suo agente e migliore amico. I due anziani amici devono fare i conti con i problemi della vecchiaia e rapportarsi alla fine dei giorni, più vicina rispetta a quando si erano conosciuti.

In prima analisi, Norman e Sandy costituiscono due opposti: l’agente è stato sposato per tutta la vita con una sola donna, Eileen (Susan Sullivan), mentre il proprietario della scuola di recitazione non ha mai trovato davvero l’amore, divorziando più volte; il primo si rende conto che alcune abitudini si devono abbandonare alla propria età, invece, Sandy non perde occasione per uscire con una sua allieva o per alzare un po’ il gomito. Una nuova allieva cinquantenne arriva nella scuola del personaggio di Douglas, Lisa (Nancy Travis), e diventerà presto la sua nuova fiamma; dovrà fare i conti con un uomo che non vuole arrendersi alla vecchiaia e cerca una storia d’amore quasi adolescenziale. La figlia Mindy (Sarah Baker) risulta la persona che più lo vuole portare con i piedi per terra: gli ricorda che non può sempre fuggire dal confronto con la morte ogni qualvolta gli si presenta e che deve tener conto dei suoi problemi di salute.

L’età e l’amicizia rappresentano i due elementi che accomunano i protagonisti degli otto episodi da mezz’ora l’uno. La moglie di Norman è malata di cancro e, prima di terminare la sua esistenza, affida il marito all’amico. Sandy ora è tenuto a prendersi cura del suo agente, irriverente e ironico personaggio, che gli renderà il compito meno facile del previsto: un legame particolare, tra battute e litigi, ma uno spettacolo per gli occhi del pubblico. Norman è consapevole della sua anzianità e parla spesso di argomenti come l’entropia, soprattutto dopo la scomparsa di Eileen, che rivede grazie alla sua immaginazione e non ha intenzione di cominciare relazioni con altre donne. Phoebe (Lisa Edelstein), figlia tossicodipendente, ritornata per il funerale di sua madre, non si trova molto bene con i genitori e gli inizia a creare abbastanza problemi. Dopo varie vicissitudini, forse anche per il ricco agente è arrivato il momento per una nuova compagna.

The Kominsky Method è presente nel catalogo Netflix dal 16 novembre dell’anno scorso, ma forse non tutti la conoscevano prima della sua vittoria ai Golden Globe come miglior serie commedia e miglior attore di una serie commedia per Michael Douglas. La sua splendida performance gli ha portato quest’ultimo premio che si aggiunge ai due Oscar, 3 Golden Globe, un Premio BAFTA e un Premio Emmy che ha ricevuto nel corso della sua lunga carriera. Ad affiancarlo troviamo Alan Arkin, vincitore dell’Oscar al miglior attore non protagonista nel 2007 per Little Miss Sunshine e di un Golden Globe nel lontano 1967. Quest’anno lo rivedremo in Dumbo insieme a Danny DeVito, comparso in alcuni episodi come il Dr. Wexler. Se non ti basta, ma ti serve un altro motivo per iniziare a guardare la serie, bisogna aggiungere che lo showrunner ha già creato alcune delle comedy americane più seguite, tra cui Due uomini e mezzo, The Big Bang Theory e Mom: stiamo parlando naturalmente di Chuck Lorre che, dopo il fallimentare Disjointed, ha impresso la sua impronta anche su Netflix. A proposito, aspettate fino alla fine dei titoli di coda dell’ultima puntata per leggere il messaggio dell’ideatore della trasmissione.

Dopo il plauso della critica e vari riconoscimenti, il serial è stato rinnovato per una seconda stagione sempre da 8 episodi. Si aggiungono al cast Jane Seymour, Jacqueline Bisset e PThe Kominsky Methodaul Reiser e i loro relativi ruoli ci portano importanti curiosità: Seymour interpreterà Madelyn, donna settantenne e benestante con cui Norman ha avuto una folle storia negli anni ’60, prima di incontrare sua moglie e con cui ora si rivedrà; Bisset sarà Gabrielle, ex moglie di Sandy da cui ha avuto Mindy, che si divertirà a toccare i tasti dolenti del suo ex marito; infine, Reiser vestirà i panni di un insegnante di liceo che si innamorerà di Mindy.

VOTO FINALE
9,5
Articolo precedenteI film da guardare a San Valentino
Articolo successivoCroce e delizia di Simone Godano
La mia vita è scandita dall'uscita al cinema dei migliori film, tra cui i miei preferiti restano i cinecomics. Amante anche dei fumetti, non disdegno le serie tv. Scrivere articoli vuol dire condividere con gli altri la mia passione verso la settima arte.

Lascia un commento!

avatar
  Iscriviti  
Notificami