Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

The Great Saga of The Children of Atom – Deadpool

Imprevedibile, irriverente e prorompente! Arriva il mercenario chiacchierone di casa Marvel e il suo debutto diventa un successo di scala globale!

Stiamo parlando di Deadpool! Andiamo a esplorare questa piccola chicca di casa Fox per la nostra nuova puntata di The great saga of the children of Atom con il vostro Capitano Alexander

 

Dopo esserci lasciati alle spalle il passato (o il futuro a seconda dei punti di vista) con X-men Days of Future Past, la saga crossover dedicata alle avventure del gruppo di mutanti più conosciuti al mondo, ci ritroviamo coinvolti in un’avventura insolita e dalle sfaccettature più leggere e meno complesse.

FUMETTO

Il film in questione è Deadpool, alias Wade Winston Wilson, è un personaggio dei fumetti creato da Fabian Nicieza e Rob Liefeld , pubblicato negli Stati Uniti d’America dalla Marvel Comics ed esordito nella serie a fumetti New Mutants n. 98 (febbraio 1991). A causa della sua parlantina inarrestabile viene soprannominato Il Mercenario Chiacchierone. È un eroe-antieroe noto per il suo humour, fatto di doppisensi e riferimenti a film, serie televisive, canzoni e immagini popolari.

Il suo nome di battesimo ricalca da vicino quello del personaggio della DC Comics Deathstroke, che si chiama Slade Wilson; un’altra somiglianza degna di nota tra i due è che entrambi sono sia mercenari sia maestri di spada, e indossano indumenti aderenti da assassino con bandoliere, cinturoni e una maschera che copre completamente il volto. In origine, fu questa caratterizzazione grafica molto simile a far gridare al plagio da parte della DC. Il successivo sviluppo del personaggio da parte di autori come Joe Kelly e Gail Simone – e in seguito lo stesso Nicieza – ha fatto sì che i caratteri dei due mercenari divergessero radicalmente.

Deadpool rompe spesso la quarta parete, ovvero il confine tra la realtà e il fumetto; sa di essere in un fumetto, come quando Bullseye gli chiede a quando risalga il loro ultimo incontro e gli viene risposto: «Numero 16, Bullseye», oppure quando l’Uomo Ragno si toglie la maschera, e Wade urla «Come se non avessimo visto i film e non sapessimo che sotto la maschera c’è il bel Tobey Maguire dagli occhi sognanti!»

TRAMA E CURIOSITA’

Deadpool è un film del 2016 di genere Commedia/Azione/Avventura, diretto da Tim Miller, con Ryan Reynolds, Morena Baccarin, T.J. Miller, Ed Skrein, Stefan Kapičić, Brianna Hildebrand. Durata 108 minuti.

Deadpool racconta la storia di Wade Wilson, partendo dal suo passato come ex membro delle forze speciali che, dopo essere stato sottoposto a un esperimento illegale che gli dona poteri di guarigione accelerata, diventa un mercenario adottando l’alter ego Deadpool. Armato con le sue nuove abilità, e con un cinico e contorto senso dell’umorismo, Deadpool dà la caccia all’uomo che ha quasi distrutto la sua vita.

Reynolds ha anche dichiarato che non intende interpretare mai più alcun personaggio proveniente dal mondo dei fumetti a parte Deadpool. L’attore protagonista ha letteralmente rubato il costume al termine delle riprese e se l’è tenuto, senza dire niente a nessuno. La 20th Century Fox, quando l’ha scoperto, non ha fatto nulla a riguardo. Il trucco integrale a cui Reynolds si è sottoposto per somigliare al Wade Wilson post trattamento per risvegliare i poteri aveva bisogno di otto ore per essere applicato. Dopodiché, l’attore non poteva né sedersi né sdraiarsi. Il film è stato girato in meno di cinquanta giorni, 48 per la precisione.

Ryan Reynolds ha pagato di tasca sua i due autori del film, Rhett Reese e Paul Wernick, per il tempo speso sul set a dare indicazioni a lui e al regista. La Fox era contraria a quest’idea di lavoro d’équipe e s’è rifiutata di pagare gli sceneggiatori oltre quanto dovuto per il copione ma l’attore ha invece ritenuto che dovessero essere ulteriormente retribuiti. Del resto, lo stesso Reynolds ha potuto revisionare lo script prima di iniziare le riprese.

RIFLESSIONI RIFLESSE

Deadpool ci regala una ventata di aria fresca, ci fa discostare dalla principale saga dedicata agli X-men e lo fa con una verve sarcastica sempre molto pregevole e mai forzata, merito di un cast che funziona e, soprattutto di un protagonista (Ryan Reynolds) totalmente dedito alla fedele interpretazione del personaggio.

Un omaggio gradito da tutti i fan del fumetto, dopo la deludente apparizione in Wolverine Le origini che aveva distorto completamente il carattere e la somiglianza con il personaggio originale, e partendo proprio dai rimasugli di quella infelice circostanza Reynolds non si dà per vinto e spinge la produzione riproponendosi attore protagonista in questa pellicola.

E come potergli dare torto? Deadpool è un successo! Probabilmente il miglior Cinecomic degli ultimi dieci anni prodotto dalla fox (escluso Logan ovviamente), il che ovviamente garantirà la produzione ufficiale di un seguito.

Il film rispecchia tutti gli aspetti che hanno reso formidabile il fumetto di casa Marvel, Deadpool è ironico e le scene d’azione sono estremamente fluide e ben costruite, ornamentate, da battute provocatorie e molteplici riferimenti a serie tv, film e soprattutto ad altri supereroi Marvel.

Finalmente una netta risalita sia a livello qualitativo che artistico per tutti gli amanti del genere, ma soprattutto un film che intrattiene e diverte senza alcun tipo di complessità.

Il vostro Capitano vi saluta e vi rimanda alla prossima settimana con un’altra incredibile puntata dedicata alla saga degli X-men , un abbraccio a voi magnifici lettori di ICREW.

Potrebbe interessarti...

Speciale

The Nest-L’inganno: in arrivo il nuovo thriller con Jude Law

La maschera del demonio (1960)

La maschera del demonio o l’horror all’italiana

All My Life

All My Life: una vera storia d’amore

Solos

Solos: la nuova serie di Prime Video con un cast stellare

Speciale

21 aprile. Compleanno di Elisabetta II e Caterina la grande

Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
la teoria del tutto 2014 recensione

Recensione

La teoria del tutto

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0