Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Quattro Vite

Quattro Vite anteprima del film nelle sale

Il film francese sarebbe dovuto uscire in Italia il prossimo 27 agosto, ma è stato rimandato. Lo abbiamo visto per voi in anteprima

Hai la passione per il cinema? Vorresti parlarne all’infinito ma i tuoi amici non ne possono più? Desideri vedere film in anteprima o incontrare attori e registi? Allora hai bisogno di noi!

In questo periodo di timida riapertura delle sale cinematografiche (in questo momento a Napoli gli unici cinema riaperti sono i multisala Plaza al Vomero, Modernissimo al centro storico e lo Space Cinema a Viale Giochi del mediterraneo, tra i quartieri di Fuorigrotta e Agnano) scarseggiano i film da proiettare, se escludiamo l’eccezione Tenet di Nolan, in uscita domani. Per questo gli esercenti ripropongono titoli passati quasi sotto silenzio in Italia, dei quali possiedono i diritti di distribuzione. Questo è il caso di Quattro Vite (Orpheline) del 2016 distribuito da Movies Inspired, diretto da Arnaud des Pallières e sceneggiato a quattro mani con Christelle Berthevas che ha riversato nel copione molto della sua storia personale.

Quattro Vite è il ritratto di una donna, in quattro momenti diversi della vita nei quali la protagonista è interpretata da quattro attrici diverse: la piccola Kiki di 6 anni è Vera Cuzytek. la tredicenne Karine è Soléne Rigot, la ventenne Sandra è Adèle Exarchopoulos (La vita di Adele, Palma d’oro a Cannes nel 2013) mentre la ventisettenne Renèe è Adele Haenel (Ritratto della giovane in fiamme). La scelta di usare quattro interpreti differenti – soprattutto dai 20 ai 27 anni il cambio di fisionomia è evidente, così come il fatto che le due donne sono coetanee  – è stata compiuta per sottolineare la differenza profonda tra la vita di una maestra d’asilo realizzata e tranquilla, rispetto a quella di una giovane scappata di casa che si presta a fare da corriere per una banda di criminali. Christine, questo il vero nome della protagonista, si trova d’improvviso a fare i conti col proprio passato, che credeva sepolto per sempre, quando una sua complice (Gemma Arterton) esce di prigione e riesce a scoprire la sua nuova identità.

Quattro vite scena
Adèle Exarchopoulos è Sandra in una scena del film.

Il film è imperniato sui flashback: Renèe è la prima a comparire sullo schermo, dopo di lei c’è la spregiudicata ventenne Sandra e, andando indietro nel tempo conosciamo la tredicenne  Karine che scappa da una vita di abusi e la piccola Kiki, testimone di un dramma che la segna profondamente. Più che il cambiamento fisico, evidente per lo spettatore, il regista punta a mostrarci quello psicologico e caratteriale che può avvenire in una donna a seconda delle età e dei problemi diversi con i quali si confronta. Renèe/Adele Haenel rappresenta la sintesi di quattro donne che sono in realtà una sola, finalmente consapevole e in grado di scegliere senza essere condizionata da quel mondo maschile che da sempre l’ha delusa e umiliata. Le attrici sono tutte bravissime, la Arterton è perfettamente in parte, mentre i personaggi maschili sono viscidi e detestabili quanto basta.

Aggiornamento: siamo spiacenti di informarvi che l’uscita in sala del film Quattro vite, di Arnaud des Pallières, prevista per oggi, giovedì 27 agosto, è stata rimandata in data da destinarsi.
Sarà nostra cura comunicarvi la nuova data d’uscita.

 

Potrebbe interessarti...

Quattro matrimoni e un funerale

Back to the vintage: Quattro matrimoni e un funerale

Un figlio di nome Erasmus

Un figlio di nome Erasmus. Quattro amici si ritrovano una pesante eredità

Quattro matrimoni e un funerale diventa una serie tv

Speciale

La prossima settimana al cinema

Speciale

La prossima settimana al cinema

Ti abbiamo incuriosito e andrai a vederlo? Commentalo con noi. L’uscita del film è stata rimandata, resta con noi per conoscere la nuova data d’uscita.
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0