Marco Bellocchio presenta un nuovo titolo sulla recente storia d’Italia: Il Traditore sarà l’unico film italiano in concorso al Festival di Cannes 2019

Dal suo primo lungometraggio del 1965, I pugni in tasca, Marco Bellocchio non è mai stato estraneo all’impegno civile, girando film che raccontano la storia del nostro Paese da una prospettiva spesso nuova e originale. Dopo Buongiorno,Notte (2003) sul rapimento di Aldo Moro e Vincere (2009) sull’amore disperato di Irene Dalser per il giovane Benito Mussolini, è la volta de Il Traditore, incentrato sulla figura di Tommaso Buscetta (1928-2000), il “Boss dei due mondi”, tra i più famosi pentiti di Cosa Nostra, interpretato da Pierfrancesco Favino (che sarà anche Bettino Craxi in Hammamet di Gianni Amelio). Braccato dai Corleonesi guidati da Totò Riina, Buscetta è stato tra i protagonisti del maxiprocesso di Palermo alla mafia (1986-1992) e cardine dell’impianto accusatorio contro  Giulio Andreotti (1993-2004),sette volte Presidente del Consiglio italiano,chiamato a rispondere dei suoi rapporti con l’organizzazione criminale nell’ambito della trattativa Stato-Mafia.

Nella storia,tradire non è sempre un’infamia; può essere una scelta eroica, come quella compiuta dai rivoluzionari, che tradiscono i loro oppressori per uno scopo più alto e il la pellicola analizza anche questo aspetto. Al riguardo Bellocchio dichiara: “È un film ancora diverso da tutti i miei precedenti, forse somiglia un po’ a “Buongiorno,notte” perché i personaggi si chiamano coi loro veri nomi, ma lo sguardo è più esposto. È un’opera per me davvero misteriosa: è apparentemente personalissima ma anche molto oggettiva, su una materia che ho imparato a conoscere facendo un’indagine. Ed è un film civile, o di denuncia sociale, come si diceva una volta, evitando però ogni retorica o ideologia.”

Buscetta-Favino
Una foto di Tommaso Buscetta (a sinistra), a confronto con l’attore che lo interpreta, Pierfrancesco Favino (a destra).

Nel cast,oltre al protagonista, altri attori carismatici come Luigi Lo Cascio (I cento Passi, La Meglio Gioventù) nel ruolo di Totuccio Contorno, altro ex mafioso e collaboratore di giustizia,Fabrizio Ferracane (Pippo Calò, noto come “il cassiere di Cosa Nostra”),Maria Fernanda Cândido e Alessio Praticò. La sceneggiatura del film, parlato in gran parte in dialetto siciliano, è firmata dal regista,in collaborazione con Valia Santella e Ludovica Rampoldi. Autore della colonna sonora è il premio Oscar Nicola Piovani.

Il Traditore uscirà nelle sale italiane il 23 maggio, nell’anniversario della strage di Capaci che costò la vita al magistrato Giovanni Falcone, a sua moglie e agli uomini della scorta. Un’occasione per non dimenticare coloro che hanno votato l’esistenza alla causa della Giustizia.

Lascia un commento!

avatar
  Iscriviti  
Notificami