Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Yvan Sagnet sarà Gesù

E se Gesù fosse stato nero? La domanda a cui risponderà Milo Rau con Il Nuovo Vangelo

Gesù era un rivoluzionario. Lui ha cambiato i concetti, una figura in qualche modo politica di cui anche i romani ne avevano paura

Non ti sarà sfuggito il fatto che Matera è stata dichiarata capitale europea della cultura 2019. C’è stato molto fermento e le attrazioni non sono di certo mancate. Però all’organizzazione mancava la ciliegia sulla torta per rendere unico quest’anno. Regista de Il nuovo VangeloLa stessa è riuscita a coinvolgere il regista Milo Rau che con la sua compagnia di produzione teatrale ha portato alla ribalta eventi storici a livello internazionale. Avendo già in mente il soggetto, ovvero la vita di Gesù, il regista svizzero è riuscito a captare la magia che stregò sia Pier Paolo Pasolini che Mel Gibson capendo così che era il luogo perfetto. Il protagonista della storia non è il solito biondo occhi azzurri ma un uomo di colore, Yvan Sagnet, il primo nella storia del cinema. L’attore in questione è anche lui alle prime armi essendo di origine camerunense ed un ingegnere laureatosi al Policlinico di Torino oltre che attivista politico. E’ facile da capire anche la motivazione che ha spinto l’attore ad impersonare una persona che più di 2000 anni fa ha sconvolto gli equilibri della civiltà di quell’epoca. Il Gesù neroIn una intervista rilasciata pochi giorni fa ha testualmente detto “Era un messaggio rivoluzionario, per il quale è stato crocifisso. E’ lo stesso oggi. Non bisogna temere il nemico, non bisogna temere la morte. Gesù non ha temuto la morte. E’ venuto sapendo di dover morire, per i peccati dell’uomo. Se abbiamo paura, vincerà il male, vincerà il sistema capitalistico, vincerà l’ingiustizia”.

Il cast è stato trovato senza troppa difficoltà in quanto è stato reclutato dalle persone comuni e coinvolgendo altri attori di colore che si sono integrati nella città. Un altro volto che era un “non noto” ai più fino alla sua performance in Dogman, è Marcello Fonte; in questa pellicola interpreterà Ponzio Pilato, console romano che diede origine al detto “me ne lavo le mani”. Ponzio Pilato Ci sarà infine un cameo del sindaco di Matera Raffaello de Ruggeri  che porterà la croce impersonando Simone “il Cireneo”. Le riprese sono iniziate a fine settembre e toccheranno punti nella città che ha ospitato sia il film Passion dell’attore e regista americano Mel Gibson che Il Vangelo secondo Matteo diretto dal grande Pasolini. Il regista ci condurrà in un parallelismo tra i romani, accecati dal loro potere sul mondo fino ad allora conosciuto credendo di essere esecutori delle volontà di dei pagani, ed il mondo moderno sempre più rinchiuso in una scatoletta chiamata smartphone da cui trascende tutto il resto, anche chi non può permettersi un pasto al giorno rischiando di morire per malattie ormai debellate da decenni. Insomma un film di protesta che ti porterà a farti delle domande significative su dove l’umanità sta andando.

Potrebbe interessarti...

L'amica geniale

L’amica geniale. Storia del nuovo cognome. Le prime due puntate al cinema

Speciale

Ritratto di un attore: Jesse Eisenberg

Speciale

Ritratto di un attore: Totò…nel giorno del suo compleanno

La Gomera - L'Isola dei Fischi

La Gomera – L’isola dei fischi. Un divertissement cinefilo tra Tarantino e i Fratelli Coen

Quello che fa oggi Milo Rau e farci notare come a volte basta cambiare la prospettiva di come vedere le cose. Tu cosa ne pensi? Riusciresti a pensare che il Gesù Cristo, il Risorto sia di colore e non bianco? Sarebbe sicuramente costruttivo conoscere se la pensi come il regista oppure no. E’ un modo per dire la tua e far sentire la tua voce. Hai un mezzo come iCrewPlay per sfruttarlo. Ti aspettiamo con un commento
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
+1