Sono passati poco più di due anni da quel fatidico 13 novembre 2015, giorno in cui sono morte 130 persone in diversi attentati

Quasi due anni e mezzo dopo, Netflix ha collaborato con il duo francese dei fratelli Naudet per un documentario in tre parti che descrive le “storie umane” dietro la tragedia . La narrazione si basa su circa 40 testimonianze esclusive raccolte da sopravvissuti e soccorritori che hanno vissuto in prima persona gli eventi di quella notte.

Coloro che hanno vissuto quella notte sono ora pronti a parlare“, hanno detto i registi Jules e Gédéon Naudet al quotidiano francese Le Figaro in un’intervista. Il progetto contiene anche interviste con diversi funzionari francesi, tra cui il sindaco di Parigi Anne Hidalgo e l’allora presidente François Hollande, che ricordano la loro versione degli eventi mentre la città scendeva nel caos e costringeva la Francia a uno stato di emergenza durato quasi due anni. Durante la notte degli attacchi, Hollande stava partecipando a una partita di calcio nello stadio della capitale, uno degli obiettivi dei terroristi.

Un intero paese è stato colpito nella notte del 13 novembre 2015. Tutti sono stati toccati. È importante parlarne. Le persone che abbiamo intervistato sono piene di saggezza e speranza“, hanno detto i registi.

I fratelli Naudet, che vivono negli Stati Uniti, hanno raggiunto la notorietà nel 2002 con il documentario “9/11“, per cui non sono per nulla nuovi a questo tipo di narrazione. I loro resoconti personali degli attacchi terroristici del 2001 a New York sono nati per un vero caso del destino. Stavano infatti lavorando ad un documentario sui vigili del fuoco di New York City quando il fratello minore, Jules Naudet, si ritrovò improvvisamente con una delle prime unità antincendio chiamate a rispondere agli attacchi. Il documentario ha vinto numerosi prestigiosi premi televisivi, tra cui Emmy, Peabody e DuPont.

L’esperienza dell’11 settembre li ha lasciati permanentemente segnati, e questo è uno dei motivi per cui hanno scelto di documentare gli attacchi del 13 novembre nella loro Francia. “Questo documentario è legato a quello che abbiamo vissuto l’11 settembre 2001. Quando attraversi un tale trauma, vedi il peggio dell’umanità, ma anche il meglio, i gesti utili e il coraggio” hanno detto.

Era la prima volta che molte delle persone intervistate hanno parlato pubblicamente delle loro esperienze. “Abbiamo raccontato a tutti della nostra esperienza dell’11 settembre e del nostro punto di vista. Le associazioni delle vittime ci hanno aiutato a trovare i partecipanti“.

Perchè scegliere Netflix per questo progetto?

I registi hanno affermato di aver scelto Netflix perché consentirà al loro pubblico “di prendersi il proprio tempo e di scoprirlo al proprio ritmo. Se hanno bisogno di fare pause mentre guardano questa difficile narrazione, o di guardarla in diverse sessioni, avranno l’opportunità di farlo “.

I precedenti tentativi di portare gli attacchi del 13 novembre a Parigi sullo schermo sono falliti dopo aver ricevuto critiche diffuse, non da ultimo dagli stessi sopravvissuti e dalle famiglie delle vittime. Ricordiamo che un totale di 130 persone sono state uccise e 413 ferite quando i terroristi nel 2015 hanno scatenato i più letali attacchi sul suolo francese dalla seconda guerra mondiale, prendendo di mira ristoranti, bar, la sala concerti Bataclan e lo stadio di calcio Stade de France.

Il documentario sarà disponibile a tutti gli abbonati Netflix dal primo giugno.

Lascia un commento!

avatar
  Iscriviti  
Notificami