Le aspettative disattese

Una commedia senza pretese, una semplice, lineare, commedia americana, tutto come sempre: adolescenti, scuole costosissime, genitori super fighi, corsi di teatro, l’elemento che rende interessante, forse addirittura prezioso per i più giovani, questo film, è che, nel tumulto, tra feste, ormoni e doveri, s’inserisce il tema della diversità, come timore d’essere escluso socialmente, proprio perchè colpevole d’aver disatteso le altrui aspettative. E se per Simon  tutto sommato è assicurato il lieto fine, gli altri personaggi, i bulli, ad esempio, restano appena abbozzati, quindi il senso dell’accettazione sociale, la definizione della propria identità, il coraggio, sono guardati da un’unica prospettiva, il che rende il film una semplice commedia carina e non un capolavoro.

Al di là delle dinamiche adolescenziali e delle dure regole d’inserimento o esclusione dal gruppo, il suggerimento di un amore epistolare, dove ciò che conta è il riconoscersi nello spirito più che l’attrazione fisica, suggerisce una riflessione parallela sul potere dell’idealizzazione, favorita dalla frammentarietà delle informazioni che la mente tende a completare riempiendo i vuoti con elementi noti, ovvero con aspettative, piuttosto che conoscendo ed accogliendo l’alterità. Amare l’idea e rifugiarsi nelle similitudini è l’esperienza più comune dell’amore. Simon vive in un contesto affettivo sano, in cui i genitori si preoccupano di saperlo supportare, piuttosto che dell’immagine sociale, in cui le figure adulte di riferimento, gli amici più stretti, sostengono il suo diritto alla diversità. Un pò disneyano nella filosofia ottimistica, il ribaltamento del gioco di forze nell’immagine sociale, fino a proporre il riscatto pubblico ed il consenso, la trasformazione da escluso ad eroe. Gradevole, fluido e ben orchestrato, un pò difficile dimenticare che nelle vesti della sua migliore amica abbiamo la bella adolescente suicida di 13 reason why , motivo per cui sembra provocatoria la frase sulla morte pronunciata proprio da lei: ucciderai il Simon etero nella mia mente, sembra un messaggio del regista: ehi lo so che te la ricordi, ma siamo nella finzione, resta qui, non sei sulla sua lista! Questo film è però nella lista dei film da vedere.

Il film è l’adattamento del romanzo bestseller  “Non So Chi Sei ma Io Sono Qui” di Becky Albertalli.

Regia di Greg Berlanti. Un film con Nick Robinson, Katherine Langford, Jennifer Garner, Alexandra Shipp, Josh Duhamel. Cast completo Titolo originale: Love, Simon. Genere Commedia, DrammaticoUSA, 2018, durata 109 minuti. Uscita cinema giovedì 31 maggio 2018 distribuito da 20th Century Fox.

VOTO FINALE
voto finale
Articolo precedenteRed land (Rosso Istria)
Articolo successivoMarco Bocci si misura con la regia

Lascia un commento!

avatar
  Iscriviti  
Notificami