Poster Inverso – The Peripheral

The Peripheral: Recensione ep.6

The Peripheral, la recensione del sesto episodio diretto da Vincenzo Natali con Chloë Grace Moretz e Jack Reynor

Naviga tra i contenuti

The Peripheral
Chloë Grace Moretz as Flynne Fisher and Gary Carr as Wilf Netherton

Scheda serie

Titolo: The Peripheral; Numero episodi: 8; Regia: Vincenzo Natali; Sceneggiatura: Scott B. Smith; Produzione: Amazon Studios, Warner Bros Television, Kilter Films; Distribuzione: Prime Video; Fotografia: Stuart Howell, Roberto Schaefer; Montaggio: Andrew Groves, Naomi Sunrise Filoramo; Cast: Chloë Grace Moretz, Jack Reynor, Gary Carr, Eli Goree, Louis Herthum, JJ Feild, T’Nia Miller, Charlotte Riley, Alexandra Billings, Adelind Horan, Alex Hernandez, Katie Leung, Julian Moore-Cook, Melinda Page Hamilton, Ned Dennehy, Chris Coy e Austin Rising.

Sinossi

La serie racconta la storia di Flynne Fisher (Chloë Grace Moretz), una giovane donna che cerca di tenere insieme i pezzi della sua famiglia disastrata in un angolo dimenticato dell’America futura. Flynne è intelligente, ambiziosa e predestinata. Non ha futuro, finché il futuro non bussa alla sua porta.

The Peripheral: Episodio 6 Fuck You and Eat Shit

Tante emozioni (si fa per dire) in questo nuovo episodio di The Peripheral diretto nuovamente da Vincenzo Natali. Un episodio che come al solito lascia spazio a cose meno importanti per allungare il brodo il più possibile cosi che lo spettatore arrivi fino in fondo all’agognato ottavo episodio.

The Peripheral
Eli Goree (Conner)

Che cosa succede in Fuck You and Eat Shit? Si viene a scoprire il passato di Conner (Eli Goree), l’amico disabile di Burton e di come durante una missione in Texas nel 2028 perde entrambe le gambe ed il braccio sinistro. Stanco di vivere sulla sua tamarra sedia a rotelle, desidera traslocare nel futuro per sempre tramite la periferica per intraprendere una vita migliore con la disapprovazione di Burton, il cui pensiero sfortunatamente non frega niente a nessuno.

The Peripheral

Essendo ormai arrivato al sesto episodio di The Peripheral mi sento di poter dire che il personaggio di Burton Fisher, interpretato dall’inespressivo Jack Reynor, è uno dei personaggi più sacrificabili ed inutili di questa serie perché, oltre ad aprire bocca a vanvera senza sapere cosa dire, è sempre l’ultimo a sapere le cose e non fa assolutamente niente per aiutare sua sorella a parte prenotarle una tac come se fosse l’unica soluzione a quello che stanno affrontando. Per non parlare poi di Flynne che, nonostante sia la protagonista della serie, in questo episodio appare per i primi minuti insieme a Wilf per un breve combattimento, poi scompare nel nulla per poi riapparire alla fine. Evidentemente Chloë Grace Moretz si sarà voluta prendere una breve vacanza durante l’episodio, come non biasimarla.

The Peripheral

The Peripheral
A destra Alexandra Billings

La cosa che in questo episodio di The Peripheral cambia veramente le carte in tavola è l’apparizione della polizia nella figura dell’ispettrice Ainsley Lowbeer (Alexandra Billings) che mette in difficolta Lev Zubov e la sua banda sospettando Wilf dell’omicidio di un collega della dottoressa Cherise Nuland del Research Insitute. L’episodio finisce con l’incontro di Flynne, Burton e Conner (che hanno ottenuto i loro corpi) con l’ispettrice che sicuramente vorrà sapere di più sulla loro situazione, ma lo si scoprirà nel prossimo episodio.

The Peripheral

In conclusione, un altro episodio che dice molto poco a livello di trama e che intrattiene in maniera stanca. Gli sceneggiatori non sanno più cosa inventarsi per intrattenere il pubblico e ciò si vede in ogni dialogo, scena o sequenza che sia.

/10
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
In iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI
0