Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
è stata la mano di dio

Sorrentino: l’arte del raccontarsi e raccontare

Sorrentino si conferma un moderno Fellini nel suo E' stata la mano di Dio. Un film da vedere e rivedere, per conoscere meglio lui e noi stessi

E’ stata la mano di Dio. 

Regista: Paolo Sorrentino; Genere: Drammatico, Biografico; Anno: 2021; Paese: Italia; Durata: 130 min; Data di uscita: 24 novembre 2021; Distribuzione: Netflix; Cast: Filippo Scotti, Toni Servillo, Teresa Saponangelo, Luisa Ranieri, Renato Carpentieri, Massimiliano Gallo, Betti Pedrazzi, Ciro Capano, Enzo Decaro, Carmen Pommella, Biagio Manna, Lino Musella, Alfonso Perugini, Sofya Gershevich, Paolo Spezzaferri, Rossella Di Lucca, Antonio Speranza.

Trama

Negli anni ’80 a Napoli, un ragazzo ha l’occasione di vivere uno dei sogni più grandi degli amanti del calcio, quando giunge nella sua città il goleador Diego Maradona, ma a questa grande gioia si accompagnerà una tragedia inaspettata.

è stata la mano di dio

La vita, ora che la mia famiglia si è disintegrata, non mi piace più. Non mi piace più. Ne voglio un’altra, immaginaria, uguale a quella che tenevo prima. La realtà non mi piace più‘ – Fabietto Schisa

E menomale, direi, che a Paolo Sorrentino la realtà non piacesse più. Menomale che abbia cercato nel cinema il rifugio per tutto ciò che l’aveva deluso nella vita. Menomale che i suoi genitori lo avessero abituato ad un livello di “ricchezza” emotiva tale da indurlo a cercare la bellezza e a vestirla al meglio per mostrarla al mondo intero. Menomale che abbia avuto la forza di trasformare la sua tragedia in un’occasione per comunicare. Menomale che non si sia disunito.

E’ stata la mano di Dio è diverso dagli altri film di Sorrentino ed è un film piuttosto unico nel suo genere, è unico per il linguaggio che utilizza, per il messaggio che comunica, per l’energia che trasmette. Nel confrontarmi con diversi spettatori, quasi tutti mi hanno riferito le stesse parole “Dopo la prima parte del film, la visione è diventata più pesante, stancante” e a tutti ho risposto allo stesso modo: “Significa che Sorrentino è riuscito a farci sentire come si è sentito lui. La sua vita ha preso una piega completamente diversa da quella vissuta sino all’adolescenza, è diventata pesante, stancante“.

sorrentino

E’ semplicemente sublime l’abilità di raccontare così tanti personaggi in una sola pellicola e di farlo così bene, di approfondirli tutti nonostante la vicenda principale ruoti sostanzialmente intorno ad un solo protagonista. Ma è un tratto tipico di Sorrentino che ci insegna a non trascurare mai le storie di coloro che arricchiscono il tema centrale, perché contribuiscono, ciascuno a modo proprio, a plasmarlo. Esattamente come ogni famigliare, parente e conoscente ha lasciato il segno nella vita di Fabietto, persino Maradona (!) che la vita gliel’ha salvata.

A chiudere la valutazione della pellicola ricca di dotti riferimenti e saggi consigli, un doveroso pensiero al cast scelto da Sorrentino. Persino San Gennaro col volto di Enzo Decaro, che resta sul set il tempo di qualche inquadratura, ha una caratterizzazione eccezionale. Toni Servillo è…semplicemente Toni Servillo e la sensuale Luisa Ranieri è misteriosa ed inquietante, attraente e addolorante, il debuttante Filippo Scotti è un perfetto piccolo Paolo Sorrentino e cosa dire dei brillanti Lino Musella, Massimiliano Gallo, Betty Pedrazzi, Renato Carpentieri e Ciro Capuano (interprete di se stesso, ndr)? Ogni attore ha un ruolo intessuto perfettamente nella trama del film. L’assenza di uno soltanto, manderebbe a monte l’intera struttura della storia e muterebbe il senso della crescita e della formazione di Fabietto.

Set of “The hand of God” by Paolo Sorrentino.
in the picture Filippo Scotti, Toni Servillo and Teresa Saponangelo.
Photo by Gianni Fiorito
This photograph is for editorial use only, the copyright is of the film company and the photographer assigned by the film production company and can only be reproduced by publications in conjunction with the promotion of the film.
The mention of the author-photographer is mandatory: Gianni Fiorito.
Set del film “E’ stata la mano di Dio” di Paolo Sorrentino.
Nella foto Filippo Scotti, Toni Servillo e Teresa Saponangelo.
Foto di Gianni Fiorito
Questa fotografia è solo per uso editoriale, il diritto d’autore è della società cinematografica e del fotografo assegnato dalla società di produzione del film e può essere riprodotto solo da pubblicazioni in concomitanza con la promozione del film.
E’ obbligatoria la menzione dell’autore- fotografo: Gianni Fiorito.

E’ stata la mano di Dio è un capolavoro. Va visto e rivisto. E oggi sappiamo di dovere un ulteriore “grazie” a Maradona, perché senza lui non avremmo avuto Paolo Sorrentino.

E’ stata la mano di Dio è un film che potremmo dividere in due atti, due fasi molto diverse l’una dall’altra legate tra loro dalla continuità della vita del protagonista, dal brutale passaggio dalla fanciullezza all’età adulta.

Fabietto e la sua famiglia prima, Fabio e la sua città poi in un infrangibile legame con tutto il bagaglio culturale e sentimentale di una vita di gioie e dolori, scherzi e drammi.

Personaggi scritti magnificamente ed interpretati anche meglio, riprese mozzafiato e dialoghi profondi per un film che è già un’opera d’arte.

Potrebbe interessarti...

Blanca

7/10

La calda notte dell'Ispettore Tibbs

7/10

Tutti gli uomini del re

7.5/10

Encanto

8.5/10

Casablanca

9/10

La vita è meravigliosa

8.5/10

Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Tutti gli uomini del re

Recensione

Tutti gli uomini del re

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
+1