Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Si muore tutti democristiani? Lo svelerà il Terzo segreto di Satira

Hai la passione per il cinema? Vorresti parlarne all’infinito ma i tuoi amici non ne possono più? Desideri vedere film in anteprima o incontrare attori e registi? Allora hai bisogno di noi!

Dal 10 maggio arriva al cinema Si muore tutti democristiani, scritto e diretto dal collettivo comico milanese Il Terzo Segreto di Satira.

Fu Luigi Pintor, il grande giornalista, storico co-fondatore del Manifesto e intellettuale sempre in primissima linea, a dichiarare: “Non voglio morire democristiano”, augurando così un cambio radicale dopo quarant’anni di netto predominio democristiano in parlamento.

A distanza di più di vent’anni viene da chiedersi: ma era proprio tanto male morire democristiani?

Se lo chiede anche il Terzo segreto di Satira, ovvero Pietro Belfiore, Davide Bonacina, Andrea Fadenti, Andrea Mazzarella e Davide Rossi, con un film fra il divertente e l’esistenzialista. Il Terzo Segreto di Satira ha iniziato a pubblicare su YouTube nel 2011; finora ha realizzato circa 40 video che hanno superato i 12 milioni di visualizzazioni. Alcuni di questi video sono stati anche trasmessi in diversi programmi televisivi. Ora si cimentano in questo primo, atteso lungometraggio.

Tre amici, Enrico, Stefano e Fabrizio, interpretati rispettivamente da Walter Leonardi, Marco Ripoldi, e Massimiliano Loizzi, gestiscono, con infiniti sacrifici, una piccola casa di produzione nata con l’intento di realizzare documentari a sfondo sociale. Finalmente arriva per loro la grande occasione, il progetto sognato da sempre: una ONLUS li incarica di girare un documentario sull’immigrazione e mette a disposizione un sacco di soldi. Peccato che tutti quei soldi siano frutto di riciclaggio e truffa proprio a danno degli immigrati. A questo punto il dilemma è “Meglio fare cose pulite con i soldi sporchi, o cose sporche con soldi puliti?“. In ogni caso significa dare un netto colpo di spugna a tutti i loro ideali. Questo sarà il loro cruccio e la storia attorno a cui girerà il film. Un film sul compromesso, quindi. Ci si ride sopra, ma quando gli ideali si scontrano con la realtà precaria di oggi il riso diventa più amaro del film di Giuseppe De Santis.

Comunque, è curioso che a oltre vent’anni dalla scomparsa della democrazia cristiana dal panorama politico, la DC sia rimasta ancora proverbiale per le sue nefaste consuetudini. Pensare che il panorama non sembra essere molto cambiato, anzi, al confronto con quello che abbiamo per le mani oggi, ci sarebbe anche da rimpiangerla.

Potrebbe interessarti...

Speciale

L’offerta di oggi è strepitosa: Philips TV Ambilight

Speciale

Knock at the Cabin, il nuovo film di M. Night Shyamalan

Speciale

Dopesick – Dichiarazione di dipendenza, la nuova miniserie con Michael Keaton su Disney+

Speciale

Sky Arte: il 7 dicembre debutta Il mio nome è leggenda

Speciale

Oscar 2022: i 18 film in corsa per rappresentare l’Italia

Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0