0

Prima e dopo il virus: parla il cinema italiano

Alcuni esponenti del cinema italiano, tra cui Carlo Verdone, hanno dato il via all'iniziativa Prima e dopo il virus: parla il cinema italiano, per aiutarci a riflettere sulla questione Coronavirus

Prima e dopo il virus - Fondazione cinema per Roma
0

0

Prima e dopo il virus: parla il cinema italiano è una nuova iniziativa creata dalla Fondazione Cinema per Roma che annuncia l’uscita di diversi appuntamenti con esponenti del cinema, ad aprire le danze sarà Carlo Verdone, uno dei tesori del nostro cinema per quanto riguarda la commedia. Il progetto è a cura di Mario Sesti il quale raccoglierà diverse testimonianze di autori, attori, produttori italiani.

L’annuncio è stato dato qualche giorno fa anche sui canali social CineFest che hanno divulgato hashtag come #CityFest, #IoRestoACasa, #LaCulturaInCasa.

Fra le personalità che hanno già dato la loro conferma troviamo, come già anticipato, Carlo Verdone, Liliana Cavani, Daniele Luchetti, Francesca Cima, Cristina Donadio, Sara Serraiocco, Francesca Archibugi, Paola Cortellesi.

L’obiettivo principale è quello di diffondere la cultura, proprio come suggerisce l’hashtag ed infatti i nostri protagonisti, oltre a riflessioni sulla situazione che ci sta colpendo, consiglieranno agli spettatori libri, film, serie e racconteranno le loro esperienze dando opinioni su come cambierà anche lo scenario cinematografico nel momento in cui si potrà tornare alla normalità. Sappiamo infatti che il Coronavirus sta mettendo in ginocchio, purtroppo, tanti ambiti della cultura, tra cui la Settima Arte. L’uscita di molti film e serie TV è stata rallentata. Lo stesso Carlo Verdone ci aveva dato appuntamento con Si vive una volta sola il 26 febbraio al cinema, chiaramente la distribuzione è stata rinviata a causa della chiusura di tutte le sale italiane.

In questo momento così particolare e unico, abbiamo pensato, con la Fondazione Cinema per Roma, che ascoltare la voce di chi per mestiere è abituato, attraverso i film, a raccontare noi e ciò che ci circonda fosse interessante e anche d’aiuto per capire che mondo ci troveremo di fronte quando usciremo dall’emergenza, ma anche per cercare di scambiare pensieri, sensazioni e consigli sul nostro vissuto di oggi” ha affermato il direttore Mario Sesti.

Credo di dover ringraziare, con Mario Sesti, a nome di Fondazione Cinema per Roma i protagonisti del cinema che hanno accettato di rispondere alla nostra iniziativa. E’ anche questo un modo, da parte loro, per dare al nostro #IoRestoAcasa” il senso di un’iniziativa che, ancora di più, accorci, in questo tempo sospeso, le distanze tra il cinema e il nostro pubblico. È uno scambio che in questi giorni così difficili mettiamo in Rete perché parla di oggi, certo, ma anche del domani che ci attende. E che il cinema, come sempre, racconta e spesso anticipa” conclude la giornalista Laura Dei Colli.

Gli appuntamenti con Prima e dopo il virus: parla il cinema italiano sono i seguenti:

Mercoledì 25 marzo: Carlo Verdone
Venerdì 27 marzo: Liliana Cavani
Sabato 28 marzo: Cristina Donadio
Domenica 29 marzo: Daniele Luchetti

Vediamo la prima clip con Carlo Verdone!

Il cinema è un altro settore fortemente colpito a causa del Coronavirus. Sentir parlare alcuni esponenti del cinema italiano può aiutarci a riflettere su una questione che ormai si ripercuote nelle nostre vite

Lascia un commento!

avatar
  Iscriviti  
Notificami
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Il cinema è un altro settore fortemente colpito a causa del Coronavirus. Sentir parlare alcuni esponenti del cinema italiano può aiutarci a riflettere su una questione che ormai si ripercuote nelle nostre vite
0