Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Panic

Panic: recensione della serie Amazon Original

Panic, serie tratta dal romanzo omonimo di Lauren Oliver è arrivata su Amazon Prime Video il 28 maggio: scopriamone insieme trama, pro e contro

Panic – La Trama

Nella cittadina texana di Carp i ragazzi dell’ultimo anno festeggiano il diploma: tra loro tre amici inseparabili Heather (Olivia Welch), Natalie e Bishop. Ognuno si prepara alla vita adulta, Heather vive in una roulotte in compagnia di una madre drogata e una sorellina più piccola, lavora mettendo da parte ogni centesimo per iscriversi ad un corso di contabilità che le permetta di lasciare la provincia che sente sempre più stretta: ha talento letterario, le piace inventare storie e racconti per la sorellina ma non crede in se stessa, preferendo una strada più concreta per costruirsi un futuro. Bishop partirà per un college prestigioso, ha un padre giudice e una famiglia benestante mentre Natalie, figlia di un poliziotto, vorrebbe trasferirsi a Los Angeles per diventare attrice.

Con l’arrivo delle estate, ricomincia Panic, cui Natalie non vede l’ora di partecipare: si tratta di un gioco auto-finanziato dai liceali durante l’anno e aperto solo ai diplomati. Ci si iscrive e tra gli incitamenti della folla i partecipanti si sfidano in prove sempre più difficili, sfidando inibizioni e paure: a seconda del coraggio dimostrato viene loro attribuito un punteggio da ‘giudici’ misteriosi, ignoti a tutti, chi si rifiuta o si ritira è eliminato. La morte di due concorrenti dell’anno precedente e il conseguente interesse della polizia non ferma il meccanismo, orchestrato grazie a messaggi in codice e passaparola, che non coinvolgono gli adulti.

Heather non è interessata, ma quando la sera della prima prova viene licenziata e lo stesso giorno la madre le sottrae di nascosto il denaro che faticosamente aveva risparmiato, decide di iscriversi per puntare al primo premio di 50.000 dollari.

Panic – i personaggi

La protagonista Heather Nill (Olivia Welch), brava ragazza senza grilli per la testa, partecipa al gioco per andarsene da Carp. Durante le prove scoprirà di avere un coraggio di cui era inconsapevole, arrivando a rischiare la propria vita pur di fare la cosa giusta. Ha una madre drogata, rimasta incinta a 17 anni, che fa la parrucchiera e una sorellina, Lily.

  • Natalie Williams (Jessica Sula), migliore amica di Heather, con la quale litiga, cercando di sabotarla. Stringe un patto segreto con Dodge Mason con lo scopo di vincere. Ha 27 anni, forse un po’ troppo matura per il genere e si vede.
  • Bishop Moore (Camron Jones), terzo componente del trio con Natalie e Heather, di cui è segretamente innamorato. Lei lo ricambia, ma non glielo dice. Cercano di vestirlo da nerd gracilino e quindi finisce per indossare sempre camicie abbottonate fino al collo che gli scoppiano addosso.
  • Dodge Mason (Mike Faist) è il ‘nuovo arrivato’,  trasferitosi a Carp meno di un anno prima. Il bel tenebroso della situazione, di lui non sisa molto, ma Natalie riesce a scoprire il suo gioco e il motivo che lo spinge a partecipare. Per evitare che lo riveli i due stringono una strana alleanza, che potrebbe diventare qualcosa di più.
  • Ray Nicholson è il bad boy dal cuore tenero, mezzo delinquente, da subito punta Heather dopo averla ammirata nella prima prova. Il fascino del cattivo ragazzo farà breccia nel cuore della nostra eroina? Trascorre metà dello show a petto nudo, senza creare particolari fremiti.
  • James Cortez (Enrique Murciano) è lo sceriffo della Contea di Richards a Carp. Suo figlio è morto durante la precedente edizione di Panic, sta cercando di fermare il gioco. Apparentemente.
Panic
Nella foto Ray Nicholson e Heather Nill allafesta per i giocatori di Panic.

Il giudizio tecnico

Produce per Amazon l’autrice del romanzo Lauren Oliver, 39 anni e autrice della  trilogia distopica Delirium, che scrive anche il copione. I dieci episodi sono diretti da cinque registi diversi, che ne girano due consecutivi a testa. I migliori sono i primi due: la narrazione è semplice e diretta, la voce fuori campo è quella di Heather, che racconta la storia. Verso il finale alcune scelte e comportamenti dei protagonisti appaiono incoerenti. La commistione fra teen drama, Young Adult e giallo è apprezzabile ma privilegiare azione e i colpi di scena va bene, a patto che si sappia dove andare e la conclusione sia degna. Molte domande restano senza risposta e il finale aperto è solo una giustificazione per una seconda stagione. Vedremo cosa ci riserverà il futuro in merito, perchè il romanzo da cui è tratta la serie è a se stante e non ha un seguito.

Per vedere Panic, abbonati ad Amazon Prime Video: clicca qui per iniziare la tua prova gratuita.

 

Panic, tratto dal romanzo del 2014 scritto da Lauren Oliver, qui nel ruolo di produttrice e sceneggiatrice parte da ottime premesse. La scelta di un’ambientazione attuale e la caratterizzazione iniziale dei personaggi funzionano, così come il ritmo della narrazione, che fila per dieci episodi. Quello che non convince sono proprio le prove, banali e prive di quel pathos crescente che il titolo e la serie promettono. Avvincente, a patto di non formalizzarsi troppo: la commistione tra Young Adult, teen drama e giallo senza scadere nell’inverosimile è un tentativo riuscito.

Potrebbe interessarti...

Extraliscio - Punk da Balera

7/10

Paolo Cognetti - Sogni di Grande Nord

8.5/10

Summertime

7.5/10

Emilio Zola

6.5/10

The Conjuring: Per ordine del Diavolo

6.5/10

Fulci talks

9/10

Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0