Kingdom, una delle prime serie originali di Netflix in Corea del Sud, è stata rinnovata per una seconda stagione ancora prima che la prima sia stata completata

Kim Eun-hee, lo sceneggiatore della serie, sta attualmente lavorando alla nuova stagione, con l’obiettivo di entrare in produzione nel febbraio 2019. La serie è ambientata nella dinastia Joseon, nel medioevo coreano, dove un principe ereditario viene inviato in una missione suicida per indagare su un’epidemia causata da un virus zombi. Composto da sei episodi di 50 minuti, la prima stagione è appena entrata in post-produzione ed è prevista per la prima trasmissione su Netflix a dicembre.

Netflix ha contattato Kim per primo, poiché considera gli scrittori i più importanti per creare serie originali. Poi mi ha suggerito di dirigerlo perché voleva fare una storia che non può fare per le emittenti televisive coreane“, ha detto Seong-hun, il regista. “Netflix mi ha dato più libertà di qualsiasi altra compagnia coreana con cui ho lavorato. Inizialmente, ‘Kingdom’ era inteso come una serie di otto episodi e la produzione doveva essere completata in quattro mesi. Alla fine, tuttavia, abbiamo impiegato circa sei mesi per la produzione e abbiamo superato il budget, per il quale abbiamo dovuto pagare una sanzione “. Seong-hun ha detto che ogni episodio costa più di 1,78 milioni di dollari.

Decisamente un programma che non si può definire low-budget. In attesa di vederlo alla fine dell’anno, ci rimane la curiosità di vedere come si comportano gli zombi coreani.

Lascia un commento!

avatar
  Iscriviti  
Notificami