Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
interdependence

INTERDEPENDENCE presentato alla Festa del Cinema di Roma

Arte e Cinema si uniscono per poter parlare del cambiamento climatico. Undici registi hanno partecipato per la creazione di INTERDEPENDENCE realizzando undici cortometraggi

Hai la passione per il cinema? Vorresti parlarne all’infinito ma i tuoi amici non ne possono più? Desideri vedere film in anteprima o incontrare attori e registi? Allora hai bisogno di noi!

INTERDEPENDENCE è un film unico composto da undici corti. Iniziato nel 2018, il progetto esplora in maniera sensibile e creativa la posizione dell’umanità rispetto alla natura. Le storie fondamentali, illustrate da undici cineasti di fama internazionale, riflettono l’intreccio delle relazioni tra la società umana e l’ambiente naturale e come queste siano peggiorate dal cambiamento climatico su diversi livelli e dimensioni, accennando a possibili soluzioni.

INTERDEPENDENCE è una produzione ART for The World, con il patrocinio delle Nazioni Unite di Ginevra, l’Organizzazione Metereologica Mondiale e la Città di Milano, con il sostegno della DDC/DFAE (Direzione svizzera dello Sviluppo e Cooperazione/Ministero degli Affari Esteri), la EU/EFI/ITC (Unione Europea/Iniziativa della Moda Etica/International Trade Center), il GAIL (India), il SESC Sao Paulo (Brasile) tra gli altri.

ART for The World è un’Organizzazione non Governativa associata al Dipartimento ONU della Informazione Pubblica (UNDPI), fondata da Adelina von Fürstenberg, con sede a Ginevra ed in Italia con una larga rete di collaboratori ed istituzioni partner in tutto il mondo.

I partecipanti sono stati selezionati per le loro consolidate qualità artistiche ed il loro forte impegno nell’affrontare questioni e temi relativi all’ambiente e al cambiamento climatico:

Faouzi BENSAÏDI (Marocco), Ása HJÖRLEIFSDÓTTIR (Islanda), Salomé LAMAS (Portogallo), Bettina OBERLI (Svizzera), Shahrbanoo SADAT (Afghanistan), Mahamat-Saleh HAROUN (Ciad), Leon WANG (Cina), Nila MADHAB PANDA (India), Daniela THOMAS (Brasile), Silvio SOLDINI (Italia), Karin WILLIAMS (Nuova Zelanda).

L’Anteprima Mondiale di INTERDEPENDENCE avrà luogo al Festival Internazionale del Cinema di Roma, il 22 ottobre 2019. Successivamente, il lungometraggio sarà distribuito dalla EBU (UER – Unione Europea di Radiodiffusione) alle emittenti del servizio pubblico in tutta Europa. Tutti i partner parteciperanno in maniera attiva alla promozione e distribuzione di questo film nei propri circuiti in tutto il mondo. Inoltre, ART for The World sviluppa un programma didattico, distribuendo il film nelle università, alla rete delle ONG, nei musei, nelle istituzioni culturali, nelle scuole e sui social media, insieme a seminari di supporto, conversazioni e attività educative.

Cinema ed Arte uniscono le loro forze per sensibilizzare le persone all’ambiente ed al cambiamento climatico: Undici registi di fama internazionale hanno unito le loro forze per sensibilizzare le persone rispetto ai problemi ambientali più pressanti ed agli effetti del cambiamento climatico, che sono riconosciuti come alcune delle maggiori sfide dei nostri tempi, contribuendo ad un film unico composto da corti che variano tra i 7’ e gli 11’ (docu-fiction, drammi, commedie, fantascienza, videoarte). Il loro obiettivo è di sottolineare l’urgente necessità di ridurre il danno ambientale e di preservare le nostre risorse naturali, in relazione alla nostra vita su questo Pianeta.
Riappropriarsi del concetto di interdipendenza attraverso l’espressione creativa è essenziale per riflettere sulla posizione dell’umanità rispetto alla natura, per capire la nostra esistenza all’interno di essa, piuttosto che essere al di sopra della natura. Le storie fondamentali illustrate dai registi riflettono le relazioni intrecciate tra la società umana e l’ambiente naturale su cui pesa il cambiamento climatico su numerose dimensioni e scale.

L’idea di INTERDEPENDENCE è stata inspirata dal poster di Rauschenberg. Questo poster è stato realizzato nel 1970, per la Giornata della Terra a San Francisco: progettato per essere un corso informale su le questioni ambientali, la Giornata della Terra del 1970 ha ampliato la sensibilità dell’opinione pubblica circa le questioni relative all’inquinamento, alla deforestazione ed alle specie in pericolo. Questa è stata la prima volta che Robert Rauschenberg ha usato un poster prodotto in massa per esprimere preoccupazioni sullo stato dell’ambiente nella sua arte e ha continuato a nutrire questo interesse fino alla sua morte nel 2008.
Quasi 50 anni dopo, le preoccupazioni relative all’ambiente stanno peggiorando.

Terra, Aria, Fuoco, Acqua

Le forze della natura che ci circonda sono state i pilastri delle filosofie primordiali per migliaia di anni, conferendo rispetto e devozione per gli elementi fondamentali ed il loro equilibrio:

La Terra, che ci sostiene ed i cui frutti ci nutrono;
L’Acqua, che ci disseta a rende fertile la terra;
Il Fuoco, che ci scalda e, col sole, dona vita al nostro pianeta;
L’Aria, che ci da il respiro per poter vivere.

Ciascuno di questi elementi, in tutta la sua potenza, non potrebbe esistere senza gli altri. Ciascuno è una rappresentazione delle stessa energia cosmica che assume forme diverse e consente loro di trasformarsi l’uno nell’altro. Nessuno è intrinsecamente buono o cattivo, ogni elemento, tuttavia, ha Il potere di essere una forza sia benevola che distruttiva.

I quattro elementi e l’arte

I nostri antenati cacciatori e raccoglitori utilizzavano l’arte nella sua forma primordiale nei dipinti nelle caverne per rappresentare gli esseri umani e la natura che coesistevano, fornendoci le prime prove di questa stretta connessione.

Il cinema come linguaggio universale è in grado di mediare tra la poetica ed il sociale, dandoci oggi più che mai la possibilità di esprimere e diffondere sentimenti di empatia nei confronti della natura.

Temi chiave

I temi chiave di questo progetto cinematografico riflettono l’intreccio dei rapporti tra la società umana e l’ambiente naturale che sono peggiorati dal cambiamento climatico su diverse dimensioni e scale:

Ambiente: l’impatto dell’eccessivo sfruttamento delle risorse naturali, e degli ecosistemi delle acque, delle coste e delle terre all’interno dei confini nazionali e al di fuori di essi nel contesto di un clima che cambia;

Persone: la vita quotidiana ed i rapporti umani subiscono l’impatto dell’inquinamento ambientale e del cambiamento climatico;

Commercio: posti di lavoro e sicurezza alimentare : inquinamento ambientale e cambiamento climatico influenzano la disponibilità di beni e servizi

Politica: il cambiamento climatico influenza la politica e la stabilità nazionale ed internazionale.

Dove potrai vederlo?

Festival cinematografici 

▶ 22 ottobre 2019 Festival Internazionale del Cinema di Roma, Italia
▶ Novembre 2019 Anteprima Asia al Festival Internazionale del Cinema di India, Goa
▶ Dicembre 2019 Festival Internazionale del Cinema di Marrakesh (tbc)
▶ Marzo 2020 Festival Internazionale del Cinema e Forum sui Diritti Umani, Ginevra (data definitiva tbc)

Eventi Speciali 

▶ 22 ottobre Anteprima Mondiale al Festival Internazionale del Cinema di Roma, Italia
▶ 23 ottobre Seconda proiezione al Museo MAXXI di Roma con incontri, registi ed il pubblico
▶ 5 novembre Proiezione at Cinema Anteo Milano in collaborazione con la Fondazione Cariplo con la partecipazione delle autorità della città di Milano, VIP ed i partner italiani di ART for The World
▶ 14 novembre Anteprima ONU all’Ufficio ONU di Ginevra, Svizzera
▶ 2-13 dicembre 25.ma sessione della Conferenza delle Parti della Convenzione Quadro dell’ONU sul Cambiamento Climatico (UNFCCC COP25), Santiago, Cile.

Altre forme di distribuzione

Verranno pianificate presentazioni dei film sui cinque continenti, insieme a seminari di supporto, dibatitti e attività educative. Al fine di raggiungere un pubblico più ampio possibile, la EBU, la maggiore alleanza al mondo di emittenti del servizio pubblico, distribuirà il film alle emittenti televisive in Europa.

Potrebbe interessarti...

PINO

Pino di Walter Fasano

Pane e tulipani

Back to the vintage: Pane e Tulipani

Speciale

Ron Howard si racconta alla Festa del Cinema di Roma 2019

Il cambiamento climatico è sempre più al centro della nostra opinione pubblica. Pensi che un film a proposito possa essere utile alla causa?
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
+1