Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
cinema coronavirus

Corona virus: è crisi per l’industria cinematografica

2 Milioni, questa è la cifra stimata persa solo in questo weekend per gli incassi in sala, l'effetto collaterale del Corona Virus in Italia

Corona virus: L’industria cinematografica italiana sta subendo grosse perdite,  tra le sale cinematografiche chiuse  nel nord Italia e quelle deserte per la paura del coronavirus-63% di guadagni in meno rispetto alla scorsa settimana e il -75,62% rispetto alla scorso anno (la stessa settimana del 2019). Gli anni più belli di Muccino, anche se in forte calo, risulta il film ad aver totalizzato il maggior guadagno con 375.851 euro  (in tre settimane di 5.315.967 euro), al secondo posto Bad Boys for Life ( il film con Will Smith) con 275.031 euro (in due settimane 1.271.568 euro). Il nuovo film con Harrison Ford, Il richiamo della foresta, è al terzo posto con 267.609 euro (1.018.818 euro in due settimane).

box office 2020 credit:Rae Allen corona virus
credit: Rae Allen

Un duro colpo per il settore che giusto in questo ultimo periodo era riuscito ad avere un boccata d’aria dopo anni di bassa frequenza e scarsi incassi. Come soluzione i gestori hanno preso la decisione di rinviare la maggior parte delle uscite previste per questo periodo (tra cui anche la Disney con Onward): Volevo nascondermi, il film con Elio Germano nei panni del pittore Ligabue, non uscirà il 27 febbraio; Si vive una volta sola, il nuovo film con Carlo Verdone.

Una reazione prevedibile vista la chiusura nelle maggiori regioni della penisola coinvolte dall’emergenza (Piemonte, Veneto, Lombardia, Emilia-Romagna e Friuli-Venezia Giulia), che da sole valgono 850 schermi su un totale di 1.830.

Ma che si è diffusa a macchia d’olio anche in regioni dove quest’ordinanza non è attiva, la paura del contagio si è diffusa in tutte le regioni. E purtroppo per il settore, un effetto immediato del coronavirus sta nella raffica di rinvii.

Lo scorso anno il mondo del cinema aveva visto una netta ripresa data dal lavoro fatto da parte di tutta la filiera che si è mossa in modo compatto ( questo grazie alla realizzazione di un progetto come Moviement).

Per questa crisi ha parlato anche il presidente dell’Anica, Francesco Rutelli:

“Le industrie del cinema collaborano con le autorità per contenere e prevenire le problematiche del coronavirus. Portano conseguenze economiche significative, ma tutte le componenti industriali e sociali debbono contribuire in Italia ad attuare i provvedimenti necessari per uscire in tempi razionali da questa situazione critica”

Dicono la loro anche l’ Agis (Associazione generale italiana dello spettacolo) e Federvivo che hanno chiesto a Dario Franceschini, ministro dei Beni Cultirali, di aprire uno stato di crisi per il settore.

“Il blocco di ogni attività nelle regioni del Nord Italia sta generando infatti un impatto economico estremamente negativo, tanto per il crollo dei ricavi da bigliettazione quanto per la drastica riduzione delle paghe degli addetti del settore.”

Potrebbe interessarti...

Speciale

Gli Steelbook Warner Bros in 4K a un prezzo speciale

The Walking Dead

Norman Reedus e l’amore speciale nato sul set

South Park

South Park: il nuovo speciale di un’ora South ParQ: Vaccination Special

Euphoria

Euphoria: il secondo episodio speciale

Euphoria

Euphoria: la recensione del primo episodio speciale

Questo è uno dei danni collaterali che sta succedendo a riguardo, cosa ne pensi a riguardo? Dicci la tua
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
la teoria del tutto 2014 recensione

Recensione

La teoria del tutto

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
+1