Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
ben hur and messala

Ben Hur e Messala: un’amicizia particolare

Giuda Ben Hur e Messala erano amanti, ma Charlton Heston non lo sapeva. A sessant’anni esatti dall’uscita di Ben Hur ancora si discute dell’amicizia particolare dei due protagonisti del più grande colossal in costume di tutti i tempi

“Dopo tanti anni ancora insieme”, “Sì, in tutti i sensi”, “Ti avevo detto che sarei tornato”, “Non credevo che lo avresti fatto, sono immensamente felice.”

Se questo dialogo fosse pronunciato da un uomo e una donna, ci sarebbero pochi dubbi su come interpretare le parole; invece sono due virilissimi combattenti che si incontrano dopo molto tempo. I due, come sovente accadeva in epoca classica, erano stati amanti. Questa, almeno, era l’idea dello scrittore Gore Vidal, sceneggiatore di Ben Hur; il problema era farlo digerire a Charlton Heston, uno degli attori più conservatori di Hollywood. Già era stato un problema trovare il protagonista: Burt Lancaster aveva rifiutato perché il copione lo aveva annoiato terribilmente, Paul Newman non voleva che gli si vedessero le gambe; se Heston avesse sospettato una sottile vena omosessuale nella trama sarebbe stato, senza il minimo dubbio, il terzo attore a rifiutare la parte.

In Lo schermo velato, il documentario di Rob Epstein e Jeffrey Friedman, del 1995, Vidal racconta che scrisse il copione di Ben Hur con la deliberata intenzione di far capire che la rivalità fra Messalia e Ben Hur nascesse, in realtà, da una passione giovanile: “L’unico modo di giustificare le varie ore (Ben Hur dura 4 ore) di odio fra i due era stabilire, senza dirlo chiaramente a parole, una relazione intima fra loro quando erano adolescenti. Così, quando Messalia vuole continuare là da dove si erano interrotti, Beh Hur lo respinge”.

Il regista, William Wyler, era d’accordo con la scelta di Vidal, ma sapevano entrambi che si sarebbero dovuti scontrare con Charlton Heston. “A Heston ci penso io – disse Wyler – basta che nessuno gli dica nulla”.

Ovviamente Stephen Boyd, interprete di Messalia, fu informato sul contenuto del copione: “Così Heston procede a testa alta, con grande dignità, – ricorda ancora Gore Vidal – mentre Stephen Boyd esprime al massimo la sua interpretazione con sguardi evidenti”. Evidenti per chiunque salvo Charlton Heston; in pratica sul set tutti lo sapevano tranne lui.

ben hur

Potrebbe interessarti...

Scarface

Scarface, 20 curiosità sul film di Brian De Palma

Speciale

Daniel Craig: ritratto di un attore

Speciale

Emma Watson si prende una pausa

Speciale

Cluedo – La fox pensa di fare una serie animata del gioco

Speciale

I segreti delle star: il dolore di Demi Lovato

Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
+1