Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Ballad of a White Cow, in corsa alla 71° edizione della Berlinale 2021

Ballad of a White Cow, il film è in concorso per l'orso d'oro alla 71° edizione della Berlinale

In questi giorni si sta tenendo la 71° edizione della Berlinale, e tra i film in corsa c’è Ballad of a White Cow, film iraniano/francese. Il film per le tematiche attuali e per il ruolo della protagonista sta ottenendo grandi apprezzamenti da parte della giuria e da parte del pubblico. La pellicola concorre assieme ad altre quattordici per l’ambito premio dell’Orso D’oro, premio che viene assegnato proprio in questo concorso.

Ballad of a White Cow, una scena del film

Ballad of a White Cow, la sinossi:

La vita di Mina viene sconvolta quando apprende che suo marito Babak era innocente del crimine per il quale è stato giustiziato. Le autorità si scusano per l’errore e offrono la prospettiva di un risarcimento finanziario. Mina inizia una battaglia silenziosa contro un sistema cinico per lei e per il bene di sua figlia.

Ballad of a White Cow, Mina e Vita in una scena del film in corsa alla Berlinale

Proprio mentre i suoi soldi stanno finendo, uno sconosciuto di nome Reza bussa alla sua porta, dicendo che è venuto a ripagare un debito che doveva a Babak. All’inizio Mina è restia, ma lascia piano piano entrare Reza nella sua vita, ignara del segreto che li lega l’uno all’altro.

Ballad of a White Cow, il cast:

  • Maryam Moghadam è Mina, una donna tenace che vuole fare chiarezza sull’ingiustizia subita dal marito condannato a morte per un crimine che non ha commesso.
  • Avin Purraoufi è Bita, la figlia muta di sette anni di Mina che è incredibilmente intelligente.
  • Alireza Sanifar nel ruolo di Reza, il corteggiatore di Mina che cercherà di conquistarla e che ha un debito nei confronti di Bubak.
  • Pourya Rahimisam interpreta il fratello di Bubak.

Di seguito riportiamo l’intervista fatta a Maryam Moghadam e a Behtash Sanaeeha, i registi del film da Barbara uno dei membri della Berlinale, ecco che cosa si sono detti:

Ballad of a White Cow l’intervista ai registi:

Intervistatrice: Dove hai trovato l’idea il tuo film? È stato ispirato dalle persone conosci o da storie specifiche tu sentito o letto?

Behtash Sanaeeha: Questa è la storia la storia di tante persone intorno a noi, e sicuramente di molte persone in giro per il mondo. I personaggi principali sono plasmati e ispirati da persone che noi conosciamo. Nei titoli di coda del film, lo dedichiamo a Mina, la vera Mina, La madre di Maryam. La donna che ci ha ispirato. Ovviamente abbiamo fatto anche noi molte ricerche e interviste a molte persone che hanno dovuto affrontare simili esperienze.

Intervistatrice: BALLAD OF A WHITE COW si sente come un’intensa collaborazione tra voi due. Per favore, parlateci del modo in cui avete lavorato insieme alla realizzazione del vostro film. Il tuo approccio è cambiato nel corso dei tre film che avete realizzato insieme? Come si è comportata Maryam nel duplice ruolo di attrice protagonista e co-regista durante le riprese?

Maryam Moghaddam: Sì abbiamo sempre lavorato insieme come una squadra e non individualmente, e noi ci sempre mossi passo dopo passo mentre andavamo dall’idea di base alla fine del progetto. Tutte le decisioni prima dell’inizio delle riprese vengono prese insieme. Questo crea una fiducia quasi istintiva. Durante le riprese, quando ero davanti alla telecamera e Behtash dietro di essa, sapevo di poter fare completamente affidamento sulle sue scelte.

Intervistatrice: L’immagine che ci mostri dell’Iran contemporaneo è quella di un ordinario paese moderno, mentre il titolo si riferisce a un’antica parabola correlata nel Corano che accenna a un livello di significato più antico e simbolico. Perché questa scelta del titolo?

Maryam: Nonostante l’aspetto moderno della vita iraniana, le leggi sono basate sulla Sharia islamica. Una mucca in un contesto religioso di solito sono un sacrificio. Nel nostro film, una mucca bianca è una metafora per un innocente condannato a morire. Il “Cow Surah“, un capitolo del Corano, è correlato a “Qessas“, un termine di legge per esprimere la violazione di altre persone espresse nella massima “occhio per occhio“. La pena per una Qessas è una forma di pagamento, dove viene assegnato un valore monetario alla vita umana e persino alle parti del corpo.

Behtash: Questa metafora non è semplicemente la fonte del titolo del film. È un tema ricorrente in tutta la sceneggiatura, ad esempio nei sogni di Mina di una mucca o l’uso del latte nella scena finale. Le metafore e il doppio significato ha un significato molto profondo nella cultura, nella letteratura e nello specifico nella poesia persiana, e noi aspiriamo a questo ulteriore livello di interpretazione per il nostro cinema.

Intervistatrice: Le battaglie di Mina con molti dei problemi che rischiano di abbatterla,  le sue difficoltà economiche, una confusa e insensibile burocrazia, la mancanza di prezzi accessibili per gli affitti, scarso sostegno da parte della società per i genitori single, suonerà familiare, soprattutto al pubblico femminile di tutto il mondo. Cosa diresti che è universale nella sua storia, e quali aspetti sono specificamente iraniani?

Maryam: Mina vive in una società che è piena di violenza contro le donne. Esse sono soggetti a leggi che sono misogine, e l’estrema ingiustizia che lei si trova ad affrontare esiste solo in pochi paesi al giorno d’oggi. Ma il declino della classe sociale di Mina è avvenuto dopo la morte del marito e le sue lotte per crescere sua figlia sono racconti universali. La verità è che la maggior parte dei genitori single e la maggioranza dei più poveri del nostro pianeta sono donne.

Intervistatrice: Una domanda a Maryam: Qual’era la tua più grande sfida nel portare Mina alla vita come personaggio? Con quali aspetti della sua personalità ti sei identificata maggiormente parte e quali hai sentito più difficile da ritrarre?

Maryam: La personalità di Mina è molto diversa dalla mia, ma ho familiarizzato con la sua lotta e la sua autostima e condivido il suo dolore. Il personaggio di Mina era complicato, eppure ho trovato interessante interpretarla e stimolante. Non era il normale stereotipo di una donna debole ritratta nel cinema iraniano, ma insieme con la sua debolezza ha una sua forza. In effetti, era un vero essere umano.

Intervistatrice: Bita, la figlia di Mina, è un altro carattere complesso e indipendente. Durante il processo di scrittura, che cosa ti ha fatto vederla come una sordomuta? In che modo diresti che lei è simile a sua madre (ovvi aspetti sono il loro amore condiviso per i film, o lo spirito combattivo quando confrontato con il bullismo a scuola), e in che modo è diversa?

Behtash: Proprio come sua madre, Bita è una donna iraniana. Anche se lei non ha ancora una sua voce, combatte per se stessa ed è piena di speranza per il futuro. Come hai sottolineato, Bita e sua madre sono due parti di un tutt’uno, due innocenti con a spirito combattivo e un forte senso di dignità.

Intervistatrice: Il film come mezzo è molto presente nella storia che racconti, da Piccola Principessa con Shirley Temple e il classico di Googoosh BITA nella serie televisiva turca. Cosa significa questa tradizione cinematografica per te, e in che modo ti ha influenzato?

Behtash: Sì, in larga misura questi i riferimenti frequenti sono il risultato del nostro essere cinefili. Nonostante tutto i limiti, la cultura dell’amore, il film è ancora molto vivo tra Popolo iraniano. In effetti, abbiamo pensato che era importante includere questo elemento della nostra infanzia in Bita personaggio.

Maryam: Durante la nostra infanzia, abbiamo vissuto gli anni difficili della rivoluzione e della guerra Iraq-Iran, e i nostri unici bei ricordi di quel periodo sono i film e la magia del cinema.

intervistatrice: Ballad of a White Cow è cinematografico, spesso in movimento tra ritratti ravvicinati ad ampie inquadrature, incorniciate con attenzione, centrate e composte foto di gruppo. Gli elementi architettonici, porte, finestre, scale, sono spesso usate per strutturare le scene. Puoi dirci di più sul tuo scelte quando si allestisce una scena?

Behtash: Usiamo spesso elementi di l’architettura come ingrediente principale creare un’atmosfera nei nostri film. Noi usiamo anche l’architettura per creare significato, la parte della forma che tira fuori l’argomento. Cose come le porte e le finestre che hai menzionato e che usiamo come un motivo ritornante in questo film. I corridoi e le scale di collegamento, così come l’apertura e la chiusura di porte e finestre, incoraggiare il pubblico a pensare alla libertà. Evitando inutili movimenti della fotocamera e complicati mise-en-scene, proviamo a presentare con semplicità e minimalismo nei nostri film. Usando sia primi piani che riprese lunghe, diamo ai nostri personaggi la possibilità di avvicinarsi e distanziare se stessi dalla fotocamera in una varietà di situazioni drammatiche. In un tale schema, la composizione e l’armonia assume un doppio significato. Questo interesse nasce dal nostro amore per l’ arte, soprattutto per la pittura.

Intervistatrice: Il cinema iraniano è uno dei paesi più rispettati, ammirati e influenti che ha contributo alla global culture di oggi. Dove si fa vedere il suo significato sia all’interno dell’Iran e globalmente?

Maryam: Una delle unicità e delle qualità speciali di un film iraniano possono essere la sua onestà quando si parla di problemi umani e sociali, ma con l’esistenza della censura, il raggiungimento di questo non è così semplice. Ma i film che raggiungono questo obiettivo possono essere influenti. Loro possono essere finestre, permettendo alle persone del resto del mondo da una parte e gli isolati popoli di origine iraniana, dall’altro, di vedersi.

Potrebbe interessarti...

Speciale

Berlinale 2021: il programma e i titoli più attesi

Che cosa ne pensi di questo film? Ti ho incuriosito a vederlo? Fammi sapere che cosa ne pensi
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
+1