Il mese di novembre, per la Stagione della Grande Arte al cinema, avrà come protagonista l’impressionismo francese. Le ninfee di Monet-Un Incantesimo di acqua e luce è il titolo del docu-film che ha come protagonista Claude Monet, padre dell’ impressionismo

Sono passati sei anni dal primo film tour cinematografico all’interno di una mostra, come quello della National Gallery di Londra dedicata a Leonardo da Vinci: pittore alla corte di Milano. Da allora il numero delle sale che partecipano alla Stagione della Grande Arte al Cinema è triplicato. Il 2017 ha visto 650mila spettatori riempire 350 sale cinematografiche italiane. Da settembre di quest’ anno è ripresa la stagione della Grande arte al cinema, il ciclo di film evento firmato da Nexo Digital.

Il primo artista proposto per la programmazione 2018/2019 è stato Salvator Dalì con La ricerca dell’ Immortalità, prodotto dalla Fondazione Gala-Salvador Dalí e realizzato da DocDoc Films. Il film è andato in onda, in una serie di sale cinematografiche aderenti al progetto, il 23-24 e 25 settembre 2018. Il film è un preludio per le celebrazioni che avverranno nel 2019 per il trentennale della morte dell’ artista.

Ottobre è stato il mese degli austriaci Klimt e Schiele.                                            Klimt e Schiele. Eros e Psiche, questo il titolo del film, trasmesso  il 22,23 e 24 ottobre. Il docu-film è prodotto da 3D Produzioni e Nexo Digital.

Leggi anche: Recensione Klimt e Schiele. Eros e Psiche

Veniamo a Monet

Quando l’ex primo ministro francese George Clemenceau si recò a Giverny, ad accoglierlo c’erano diverse tele accatastate nella cantina della ricca abitazione nella quale era ospite. Molte di queste rappresentavano fiori esotici, presentati per la prima volta all’Esposizione Universale di Parigi del 1889. Ma a rendere unica quella dimora erano soprattutto il giardino, lo stagno, quei fiori dai petali carnosi che ondeggiavano sulla superficie affondando le radici nelle acque paludose. Ha inizio da questa storia Le ninfee di Monet. Un incantesimo di acqua e luce, il  terzo e penultimo docu-film della saga della Grande arte al cinema 2018, che sarà proiettato il 26,27 e il 28 novembre. Prodotto da Ballandi Arts e da Nexo Digital in collaborazione con TIMVISION Production.

Elisa Lasowski (famosa in Francia per aver interpretato Maria Teresa d’ Asburgo nella serie tv Versailles), guiderà gli spettatori in alcuni dei luoghi simbolo dove la passione di Monet per le ninfee è sbocciata e dove sono conservate oggi le tele frutto di questa ossessione: il Musée Marmottan, il Musée de l’Orangerie e il Musée D’Orsay, Giverny con la Fondation Monet, la casa e il giardino dell’artista, e tra i magnifici panorami di Étretat. La consulenza scientifica è affidata allo storico e scrittore Ross King, autore del best seller Il mistero delle ninfee. Monet e la rivoluzione della pittura moderna, edito in Italia da Rizzoli. La colonna sonora originale è firmata da Remo Anzovino.

Che c’è da dire di me? Che cosa può esserci da dire, vi chiedo, di un uomo al quale non c’è null’altro che la sua pittura che gli interessi al mondo, oltre al suo giardino e ai suoi fiori” (Claude Monet)

Lascia un commento!

avatar
  Iscriviti  
Notificami