Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
ariaferma

Ariaferma: un film con Toni Servillo

Ariaferma: presentato fuori concorso alla Mostra del Cinema di Venezia, racconta storie di vita in un edificio concentrazionario

Hai la passione per il cinema? Vorresti parlarne all’infinito ma i tuoi amici non ne possono più? Desideri vedere film in anteprima o incontrare attori e registi? Allora hai bisogno di noi!

Ariaferma è un film presentato fuori concorso alla Mostra del Cinema di Venezia. Diretto da Leonardo Di Costanzo e scritto da questi con Bruno Oliviero e Valia Santella, è interpretato da Toni Servillo, Silvio Orlando, Fabrizio Ferracane, Salvatore Striano, Roberto De Francesco, Pietro Giuliano, Nicola Sechi, Leonardo Capuano, Antonio Buil, Giovanni Vastarella e Francesca Ventriglia.

Sinossi

Un vecchio carcere ottocentesco, situato in una zona impervia e imprecisata del territorio italiano, è in dismissione. Per problemi burocratici i trasferimenti si bloccano e una dozzina di detenuti rimane, con pochi agenti, in attesa di nuove destinazioni. In un’atmosfera sospesa, le regole di separazione si allentano e tra gli uomini rimasti si intravedono nuove forme di relazioni.

ariaferma

Il carcere di Mortana nella realtà non esiste: è un luogo immaginario, costruito dopo aver visitato molte carceri. Quasi ovunque abbiamo trovato grande disponibilità a parlare, a raccontarsi; è capitato che gli incontri coinvolgessero insieme agenti, direzione e qualche detenuto. Allora era facile che si creasse uno strano clima di convivialità, facevano quasi a gara nel raccontare storie. Si rideva anche. Poi, quando il convivio finiva, tutti rientravano nei loro ruoli e gli uomini in divisa, chiavi in mano, riaccompagnavano nelle celle gli altri, i detenuti. Di fronte a questo drastico ritorno alla realtà, noi esterni avvertivamo spaesamento. E proprio questo senso di spaesamento ha guidato la realizzazione del film: Ariaferma non racconta le condizioni delle carceri italiane. È forse un film sull’assurdità del carcere – Leonardo Di Costanzo

La pellicola gioca con gli spazi e con i ruoli muovendosi tra i punti di vista di carcerieri e prigionieri in un’alternanza che scandisce e descrive la vita dei detenuti italiani e il difficile lavoro delle guardie carcerarie, soprattutto all’indomani delle vicende di cronaca legate all’ambiente detentivo.

ariaferma

Distribuito da Vision Distribution nei cinema dal 14 ottobre, con uno straordinario Silvio Orlando ed un magistrale Toni Servillo, Ariaferma è un film da non perdersi.

Potrebbe interessarti...

Speciale

Oscar 2022: i 18 film in corsa per rappresentare l’Italia

Speciale

La prossima settimana al cinema

Cosa pensi dell’argomento trattato? Hai visto altri film ambientati in istituti correzionali?
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
+2