Dal 30 Novembre è disponibile su Netflix Baby, una delle prime serie televisive italiane del colosso dello streaming americano

Ne avevamo già parlato prima che uscisse e già dal trailer non ci aveva entusiasmato, ma non sapevamo fino a che punto. La serie doveva portare sullo schermo la vicenda delle baby prostitute dei Parioli ma è stato così? No e il risultato è decisamente equivoco.    Baby

Le ragazze dei Parioli

Nei mesi precedenti all’uscita siamo stati incalzati dalla promozione della serie. Gli intenti erano molto chiari: doveva essere un racconto, non cronistico, del caso di prostituzione in uno dei quartieri più altolocati di Roma: i Parioli.

BabyLa storia della serie ruota attorno a due ragazze, Chiara e Ludovica, che vivono ai Parioli e frequentano il liceo privato Collodi. In apparenza la loro è una vita perfetta ma le loro insicurezze e le problematiche familiari porteranno le due a conoscere le persone sbagliate, cadendo nel giro della prostituzione.

Il punto critico più appariscente della serie è proprio questo: il fatto di cronaca è completamente assente e la serie più che essere un racconto-denuncia, o meglio una racconto-verità, risulta essere una versione italiana (ma possiamo dire anche pariolina) dei teen-drama d’oltreoceano. Nei sei episodi ,di cui è composta, la serie accompagniamo Chiara e Ludovica (e i loro amici) nelle problematiche adolescenziali: la scuola, la famiglia, gli amici. Se non fosse stata legata a quel preciso fatto di cronaca non ci sarebbe nulla di male, Netflix ha già nel suo catalogo titoli simili (un esempio è sicuramente Elite e non è un caso che proprio con questa Baby viene spesso paragonata). Il problema è che lo hanno fatto  e lo hanno rappresentato come un caso isolato: Girls just want to have fun, ma solo le due protagoniste. Nella realtà l’elemento più inquietante (e per questo più rilevante) è che non fosse una caso isolato ma decisamente più diffuso. Poteva essere una narrazione più incisiva e tagliente di quello che è stato, di fatto è un’occasione persa.

Parlare di prostituzione minorile

Alla fine della visione di Baby qualcosa non mi aveva convinto del tutto, non sono riuscita a capirlo subito ma poi ho capito: la rappresentazione della prostituzione minorile è qualcosa di agghiacciante.

BabyAl canto delle ragazze vogliono solo divertirsi si affianca una rappresentazione dei clienti molto clemente nei loro confronti: educati, gentili e in alcuni casi anche attraenti. Il primo incontro di Ludovica è con un dentista che vuole solo cenare con lei perché si è stancato di farlo da solo, vuole solo un po’ di compagnia (il fatto che abbia cercato una minorenne è del tutto secondario). Quello di Chiara viene raffigurato come un uomo estremamente attraente con cui lei va volentieri a letto. Naturalmente quello che volevamo vedere non era uno sguardo moralistico, ma sembra essere passato completamente in secondo piano che questi signori gentili, educati, attraenti, forse un po’ soli, in realtà avessero chiesto il numero di ragazzine, sicuramente non solo per una cena. Solo le ragazze che vogliono evadere, vogliono divertirsi e quindi con l’inganno circuiscono questi uomini.

“Viviamo in un acquario. Ma sogniamo il mare. Per questo dobbiamo avere una vita segreta”.

Baby

E’ quello che sentiamo a conclusione della serie, ma più che vedere il passaggio da una gabbia dorata a una prostituzione glamour sarebbe stato più interessante vedere un mondo più sporco mettendo più personaggi negativi di quelli che a conti fatti compaiono.

Non tutto è perduto

Baby, nonostante la più che povera qualità/quantità di contenuti, è ben confezionata. La regia, soprattutto nei primi due episodi, fa delle scelte molto interessanti. Alle inquadrature più tradizionali si intervallano le schermate del telefono: dalle stories di Instagram alle conversazioni di whatsapp, cosa che avevamo già visto in Black Mirror.   

Notevole è anche la fotografia che per alcuni tratti (colori vividi e i forti contrasti di alcune scene) ricorda molto i film di Refn: in particolare The neon demon Solo dio perdona.  

The neon demon
The neon demon,Nicolas Winding Refn

1
Lascia un commento!

avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Commenti con più reazioni
Hottest comment thread
1 Autori dei commenti
Saverio Resta Autori dei commenti recenti
  Iscriviti  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Saverio Resta
Ospite
Saverio Resta

Questa serie è imbarazzante, ma chi l’ha scritta? Un ragazzino di 16 anni? Personaggi scontati e stereotipati (il ricco ribelle, la perfettina, la scuola privata in cui i figli di papà hanno una vita trasgressiva…) Io avevo capito fosse una trasposizione del caso delle baby squillo dei Parioli ma sta roba fa cagare anche ai 18enni. Mi stupisco che Netflix abbia prodotto una serie di così basso livello, gli attori ci provano pure, non sono malvagi ma è proprio scritta male. Si salva solo la colonna sonora con chicche come Nex Cassel e Achille Lauro.